to top

Settembre, tempo di nuovi inizi: il ricordo di quest’estate (ed il mio grazie)


Avete mai vissuto la vacanza più bella della vostra vita?

Immagino che molti di voi avranno avuto la sensazione, in qualche momento, di averla davvero trascorsa.

Io quella sensazione l’ho provata continuamente quest’estate.

Soprattutto quando sabato scorso ho preso il treno per tornare a casa, lasciando Catania e rientrando a Roma.

Così, tornata a casa dopo 38 giorni di ferie (lo so, sono un’enormità, ma continuate a leggere e vi spiegherò ogni cosa), mi sono presa un paio di giorni per raccogliere le idee e portare a termine i lavori più urgenti che avevo lasciato in sospeso.

14088457_10208655531560076_8779487053008236238_n

Ora, in un tranquillo martedì pomeriggio, con il cielo nuvolo e l’aria più fresca, ho deciso di raccontarvi perchè è stata l’estate più bella della mia vita.

Ho sempre amato la Sicilia, fin da quando ero piccola.

14212147_10208653682593853_6631419335703714495_n

Figlia di siciliani emigrati al nord per lavoro, da sempre ho trascorso le mie estati a Licata, ridente cittadina in provincia di Agrigento, affacciata su un mare che più puro non ce n’è.

14068126_10208640119654788_5776564897579316677_n

14079494_10208640122014847_5690342923965528858_n

14183861_10208640121014822_2545879025254066017_n

14054176_10208587748185534_2459697694143601_n

Licata per me è la mia seconda casa.

Lì ho ancora la mia unica nonna rimasta in vita, che alla veneranda età di 97 anni ancora ci dà filo da torcere un po’ a tutti, ma anche gli zii, i cugini, gli amici di una vita.

Quest’anno ero indecisa se partire: il lavoro, alcune questioni pratiche da sbrigare…Insomma le solite cose.

Il richiamo di quel mare blu però era sempre più forte e così sono partita.

Partita e più rientrata praticamente. Perchè il 24 agosto, giorno in cui sarei dovuta rientrare, mi sono accorta guardando il biglietto del treno che la partenza in realtà era il 23 e non il 24.

Treni pieni, bus e aerei idem.

Il destino, in quella terribile notte del terremoto che ha colpito Amatrice e i centri vicini, aveva deciso che non sarei dovuta partire (e se lo avessi fatto molto probabilmente sarei rimasta bloccata in treno per non so quanto).

Destino, mi piace chiamarlo così.

Non trovo altra spiegazione alla mia sbadataggine senza scusanti, anche perchè non mi era mai successa una cosa del genere in 33 anni di vita.

Morale della favola: altri 10 giorni regalati nel mio paradiso.

E voi direte “Ok Cla, ti sei fatta quasi 40 giorni di mare, ma cosa c’è di così speciale a parte la fortuna che hai avuto?”.

Ora ve lo spiego.

Quando dico che è stata la vacanza più bella della mia vita mi riferisco a tutto ciò che rende felici noi piccoli esseri umani.

Tutte cose semplici, gratuite e dal valore incommensurabile:

l’amicizia, gli affetti veri, i sorrisi, la serenità, gli abbracci, le perle di saggezza che solo persone speciali possono regalarti, la natura incontaminata, la bellezza del cielo blu che si intravede dalla portafinestra quando ti svegli la mattina.

Io ho avuto tutto da questa vacanza. E mi sono presa tutto fino all’ultimo secondo.

Avere degli amici e degli affetti che ti vogliono davvero bene e che ti circondano d’amore giorno per giorno non ha eguali.

14232609_10208681587651462_2870282346743233504_n

13876470_10208499169171114_6631796137421131649_n

13912328_10208543793966706_8093465716955282592_n

14182179_10208666728840001_1452266211_n

13907090_10208515257053301_4633332308436897513_n

13729121_10208510991146656_787891533616588660_n

13902562_10208493537510326_1313165861330901098_n

13886519_10208427829827675_1556394175264501251_n

13939540_10208529014637232_402055405781560140_n

13902606_10208436351560713_4984397629625859642_n

Avere delle persone che ti abbracciano quando ne senti il bisogno, che ti tendono una mano e ti dicono la cosa giusta al momento giusto, non ha eguali.

Svegliarsi la mattina, vedere il mare, il sole, lavarsi il viso, fare colazione e scendere in spiaggia assaporandone il silenzio in una giornata di fine agosto, non ha eguali.

Accorgersi di avere sempre il sorriso stampato in faccia…non ha eguali.

La mia vacanza è stata piena di cose belle: luoghi, persone, momenti, paesaggi, sensazioni.

13938349_10208540674048710_7908138663629113651_n

Mi reputo enormemente fortunata perchè ho conosciuto persone che mi hanno insegnato il vero valore delle cose, specie delle più semplici. E senza che io neanche glielo chiedessi.

Mi ritengo fortunata perchè non ho passato un solo giorno da sola. E con solitudine non intendo quella fisica, bensì quella morale.

Sapevo che c’era sempre qualcuno che pensava a me, che aspettava di rivedermi, che voleva trascorrere del tempo insieme.

Ho ricevuto regali grandissimi: nessuna cosa materiale, solo ricordi e lezioni da portare nel cuore per sempre.

E poi certo, tramonti così.

14224953_10208708932295061_7993748880028853281_n

13932780_10208532416082266_3704377617384861553_n

Ora, tornata rigenerata nel corpo e nello spirito, mi sento pronta per ributtarmi in pista con più energia di prima.

E con la consapevolezza che la magia delle cose non dobbiamo ricercarla solo intorno, bensì dentro di noi.

Che la vera ricchezza è poter godere delle cose più semplici e l’essere felici per quello che la vita ogni giorno ci regala.

Io ringrazio di cuore tutti coloro che hanno condiviso con me questa indimenticabile estate. Questo post è il mio modo di dire GRAZIE a ciascuno di loro.

E auguro a tutti coloro che stanno leggendo un buon nuovo inizio.

Che sia un settembre spettacolare.

 

Claudia

 

 

 


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: