to top

Paris Fashion Week: il bianco futurista di Gareth Pugh


Altro giro, altra corsa, altra fashion week. Si è conclusa infatti lunedì la settimana della moda milanese, tra spettacolari sfilate e altrettanto spettacolari polemiche, con le parole minacciose di re Giorgio (Armani) che ancora risuonano nell’aria per via della spinosa questione di Anna Wintour, la famosa “direttora” di Vogue America che, come una “leggiadra” farfalla, ha preso elegantemente il volo dalla milano fashion week giusto un giorno prima della sua conclusione, lasciando Armani con l’amaro in bocca. Per andarsene dove poi? Ad un’altra fashion week. Manco avesse avuto il pane in forno. Non poteva aspettare 24 h? Capricci da diva.

Anyway. Finita la milano fashion week, neanche il tempo di tirare le fila di quello che abbiamo visto che ecco iniziare la settimana della moda parigina. E devo dire che finora, tra le varie collezioni presentate, ancora una volta è l’estro sperimentatore di Gareth Pugh a colpirmi di più.

Gareth Pugh

Immagine

Questo giovane stilista che a 14 anni già lavorava come costumista per l’English National Youth Theatre e il cui debutto ufficiale è avvenuto durante la London fashion week del 2006, ha sancito ancora una volta un taglio netto con la moda pensata in maniera classica e canonica. La sfilata presentata alla Paris Fashion Week da Pugh mostra infatti un genio creativo e visionario che ama sperimentare con l’abito senza seguire le logiche del mercato e delle vendite, senza rimanere schiacciato dalle polemiche sull’inutilità di certa “moda stramba”, ma continuando invece a portare avanti il suo lavoro di ricerca stilistica. Questa volta è il bianco, con qualche tocco di argento, di puro stampo futurista a costituire l’anima della sua collezione, caratterizzata da capi strutturati e complessi che trasformano chi li indossa in creature divine a metà strada tra una regina delle nevi futurista e un astronauta.

Paris Fashion Week – FW 2014/2015 by Gareth Pugh

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Insomma una piccola rivoluzione che tiene viva l’attenzione non solo sulle moda “da indossare”, ma anche su quella da sognare e sperimentare.

To translate the post, click your flag


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: