to top

NY Fashion Week 2016: le 5 sfilate da rivedere + i pezzi must-have


NY Fashion Week 2016: Wang, Scott, Jacobs, Schouler e Rodarte

 

La NY fashion week 2016, la celebre settimana della moda newyorchese, si è conclusa qualche giorno fa. Tantissime le sfilate in calendario, i nomi illustri e i vip presenti, ma tra i tanti defilè ce ne sono 5 che vale la pena rivedere perché ricchi di spunti che, a parer mio, ci faranno comodo nella prossima moda autunno-inverno 2016/2017.

Ecco quali sono dunque le 5 collezioni da rivedere della NY Fashion Week 2016 (segnatevi i capi che andranno per la maggiore, le borse cult del 2016 invece le trovate qui –> BAGS MUST HAVE)

#1 – ALEXANDER WANG

Un nome, una garanzia. Quando si parla di Alexander Wang è davvero difficile non trovare qualcosa di estremamente interessante nelle sue collezioni. Quella presentata alla NY Fashion Week 2016 non ha deluso le aspettative: innanzitutto ha lasciato sfilare il suo plotone di giovani hipster nella chiesa di Saint Bartholomew, poi ha portato in passerella stampe con foto di marijuana un po’ ovunque, tra top, gonne e maglioni over size. Una collezione ribelle e geniale, molto hip hop con qualche tocco di punk che si evince dalle giacche in pelle nera e nei minidress con graffe metalliche sui bordi. Tanto nero, bianco e rosa per una collezione apertamente ispirata al puro streestyle newyorchese.

Il pezzo cult da tenere d’occhio: il cappello di lana con la scritta

wang1

wang2

wang3

#2 – JEREMY SCOTT

Torna alla NY Fashion Week 2016 l’irriverente Jeremy con una collezione che stavolta mescola le ispirazioni tratte da alcune precedent collezioni: abbiamo le modelle un po’ Barbie nei loro completini stretch ipercolorati, abbiamo il pop e i cartoons, abbiamo le pin up. Poi il genio remixa tutto con cowboys, drag queen e quel po’ di rock ‘n roll che non guasta mai. Risultato? L’affresco contemporaneo ed ironico, rigorosamente a tinte acide, di una generazione che incarna tutti gli stereotipi dell’americanità, quello spirito a stelle e strisce che piace tanto agli stessi americani e che a noi non dispiace più di tanto. Magari preso a piccole dosi.

Il pezzo cult da tenere d’occhio: gli stivali da pioggia in colori fluo

moschino1

moschino 2

moschino3

#3 – MARC JACOBS

Se dovessi definire la collezione di Marc Jacobs alla NY Fashion Week 2016 in una sola parola, direi senz’altro SPIAZZANTE. Imprevedibile fin dalla sua testimonial scesa in passerella, ovvero Lady Gaga. Per definirla vi cito le parole di Suzy Menkes che ha colto il punto cruciale di questa collezione che gioca con i volumi:

“Una presentazione drammatica che non ha nulla a che fare con ciò che ha rappresentato il nome di Marc Jacobs finora”.

In effetti non si erano mai visti da Marc Jacobs volumi e accostamenti inediti e estremi come quelli visti in passerella in questa occasione, con una collezione che sembra ambire ai più alti livelli dell’haute couture, mixando reminescenze prese da Alexander McQueen per gli accessori, da John Galliano per il make up e da Rei Kawakubo e Comme des Garçons per i volumi over. Divino.

Il pezzo cult da tenere d’occhio: le stampe con pois di varie dimensioni. Adorabili

marc jacobs1

marc jacobs2

marc jacobs3

#4 – PROENZA SCHOULER

Un gioco concettuale di lacci, stringhe, sovrapposizioni, incroci e chiusure per la collezione presentata da Proenza Schouler alla NY Fashion Week 2016 che sembra cogliere a piene mani dal mondo dell’arte, specie quella americana anni ’60 – ’70  di Robert Ryman e Frank Stella. Le silhuette sono composte, le lunghezze midi, ma ampie e fluide per gonne e pantaloni, i colori sobri spaziano dal nero all’avorio, dal grigio allo zolfo passando per lampi di lime e giallo.

Il pezzo cult da tenere d’occhio: gli stivali-calza con punta tonda in metallo e tacco curvo.

proenza1

proenza2

proenza3

 

#5 – RODARTE

La quinta sfilata che vale la pena rivedere di questa NY Fashion Week 2016 appena conclusasi è indubbiamente quella dal mood romantico con un pizzico di gotico di Rodarte. Gli abiti sono per lo più scuri, ma dominano anche il bianco e il bordeaux, con trasparenze, luccicanti paillettes, volants e ruches un po’ ovunque. Gli abiti sono femminili, seducenti, colli in pelliccia di capra impreziosiscono i capispalla, gli accessori sono combinati nella maniera corretta. Una collezione particolare e che resta impressa perché affascina senza sconvolgere.

Il pezzo cult da tenere d’occhio: gli stivali in pelle con ruches.

roda1

roda2

roda3

 

E a voi qual’è piaciuta di più? Ovviamente presto parleremo anche delle altre fashion weeks, giovedì 25 febbraio parte quella di Milano, dunque stay tuned 😉


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: