Dovrebbero creare una categoria a parte per quelli che vanno alle sfilate, detto un po’ terra-terra, ma facciamo a capirci. Li adoro, ca va sans dire. Sono l’esercito di coloro che durante le più blasonate fashion weeks del pianeta camminano veloci per le strade, con i loro abiti che sembrano appena usciti dal miglior September Issue di sempre, costantemente impegnati a guardare altrove, a sfuggire ai paparazzi (che effettivamente gli corrono dietro – certo non sempre, ma abbastanza), con l’IPhone all’orecchio a organizzare chissà quale evento glam (non ti verrebbe mai da pensare che chiamano casa per dire “Mà, butta la pasta!”).

Li adoro.

Li adoro pure quando si vestono in maniera pessima perché penso sempre “ma guardali che coraggio”, pure quando vanno in giro intrepidi con i sandali a febbraio e le pellicce a settembre. Io li amo.

Amo Anna Wintour che sembra ormai la caricatura di se stessa e si veste da tappezzeria

761f9776-9d93-4498-bc4f-9087fd50b110

e persino Anna dello Russo che, anche ad 80 anni statene certi, si metterà le tutine stampate e i cappelli con le piume.

bd667c2f-828a-4818-8f06-c4471306d286

Io li adoro e vorrei essere Stefano Coletti, il fotografo che li ha immortalati per le strade di New York e poi pubblicati su Vogue.it mentre vagano da un defilè all’altro, passando da Lhuillier a De la Renta e via dicendo.

Poi però guardo meglio le foto ci sono cose che adoro, di cui mi innamoro subito, tipo borsine da collezionista

Ph. Stefano Coletti – Fonte Vogue.it

25f4e68c-c78b-445b-89e6-3076ccd9d41a

1b241259-f90f-43ad-b6f8-12b9e6c45357

71feb87d-64fd-4cc9-9723-00ff2304f1ad

c4ec85b4-40ea-4d4a-a1d9-c4d137c8ecd4

cappottini alternativi e giubbini che sembrano essere in neoprene colorato (oddio, il neoprene a dire il vero no),

7b47e39b-e824-4a2c-a0c4-a023a3826439

d2609da2-fca2-4023-b17f-51c34de4927a

e persino mix e match di stampe che a guardarli pensi “wow, avrà chiamato la Maison Pucci per farsi consigliare sugli accostamenti”!

196c756f-9fc6-4629-8fa7-5cc4698d4222

58be32ea-d688-4985-b597-cc91a9c20f09

a2dd3ed5-350e-476f-9f3b-69da289ce94f

dbf86677-9220-4bb6-8714-9611f260f7d3

e3934afd-7e41-477f-9c0f-f92c4d404203

E cose che invece non comprendo fino in fondo, tipo le ciabatte sotto ad abiti strepitosi…

adeafafa-5a71-41f5-a3c6-b27d4af575e5

Però fidatevi che si imparano un sacco di cose dallo street style delle fashion weeks e si apprendono tendenze che forse qui da noi non vedremo mai (a volte è anche meglio così eh), tipo i capelli che sembrano di stoffa intrecciata (bellissimi, ma io dovrei smontare una tenda per averli così)

01bf52c0-172e-443c-b6e0-8f6cc819fcab

986057a8-56c4-4a25-b255-72e2b4fa5595

o la t-shirt con le tette disegnate (cioè…)

3324e0d2-30f7-4c8c-8fb6-52e82b85656c

o impari che magari la gonna a vita alta che ti si sbottona da sola, insomma, non è il top.

2f424fb8-5aaa-4886-921e-0b13d0b46c72

Ma capisci anche che blu e bianco e nero e bianco sono chic anche Oltreoceano e lo saranno sempre.

9d9f281b-70a4-4f5c-9e2c-7433cd54a39f

0c7c513f-f2ae-47b4-ab7f-9fbb1ef0a50b

Che vestirsi da cubo di Rubik (o da carte di Uno) non è poi così male…

ac7ad8fa-927f-49fa-a5e9-42bc12a50e47

Che i pantaloni di raso smeraldo sono stupendi, ma ci vuole l’altezza ( se me li metto io mi scambiano per un aiuola tirata a lucido)…

90efb8ad-1adb-4b97-8d40-8ddc610c2afa

Che abbinare camicia e stivali è un tocco da maestre e bisogna saperlo fare…

3d88252f-6f85-4027-a8f4-a42e415ffab0

Che un completo del genere è chic da morire, ma fuori dal contesto fashion week sembrerebbe un pigiama…

41b72c15-e0dd-4705-8607-6fc4a7cd9b72

Che la cintura indossata sul golfino è strepitosa, ma che ci vuole tipo un mese di Ramadan prima…

9832926b-5e8e-47d0-a4ef-6375609b9b52

Scopri anche che le ciocche colorate vanno ancora un sacco, così come i capelli rosa e allora basta, non hai più scuse: datemi un hair stylist!

091bfd24-63bb-477e-9334-b60fc2dac50e

feb41eb1-c23f-498a-9595-909d3235f55d

Ma soprattutto scopri che,  non c’è fashion week che tenga: se non sai vestirti si vede subito

ea8caa54-4300-426a-bbc8-5029bbcfd3b8

…e che la perfezione non va di moda neanche a New York! 🙂

0979f1a5-040c-4669-ad51-ecd60455599f


Rispondi