Sono uno degli appuntamenti più attesi dell’anno, musicalmente parlando. Ma sono anche l’occasione – come al solito – per cantanti, vip e “svip” di farsi un giretto  su un bel palcoscenico con tanto di red carpet su cui sfoggiare look a volte al limite dell’umana comprensione. E secondo voi, potevo forse perdermi questa ghiotta occasione di spettegolare un pò (sempre professionalmente parlando eh!) sui loro look? Giammai. 😉
Ma andiamo con ordine.
Gli EMA di quest’anno si sono svolti in quel di Glasgow e, in omaggio alla location, si sono visti parecchi kilt in giro, come quelli indossati da David Hasselhoof (ricordate il tizio di Baywatch?) e Redfoo (ricordate quel folle che cantava…bè va bè, quel folle). Chissà se, come vuole la tradizione, gli ometti in questione, sotto al kilt erano “come mamma li ha fatti”. Vedendo i soggetti, meglio rimanere col dubbio.

Immagine
Madrina e mattatrice della serata, quella gnoccolona geneticamente modificata di Nicki Minaj che, oltre a sfoggiare le solite forme OMG e abiti in grado di esaltarle ancora di più – semmai ce ne fosse stato bisogno e a qualcuno fossero sfuggite – si è anche aggiudicata il premio come BEST HIP HOP. E per premiarsi si è concessa anche un abituccio con un pochetto di strascico, così tanto per gradire, della serie “io le cose le faccio in grande o niente”.

nicki-minaj_784x0

nicki

nicki1
Grande assente la splendida Katy Perry che si è aggiudicata il premio come BEST VIDEO per “Crazy Horse” e il premio come BEST LOOK. E riguardo ai look la ragazza ne avrebbe da dire, altro che Nicki Minaj.

Per il resto i soliti noti: premi a gogò per “la nuova Jennifer Lopez”, com’è stata ribattezzata la giovanissima Ariana Grande (Jenny from the block starà schiumando, sicuro) nuovo idolo delle folle, che ha vinto il premio più ambito, ovvero il BEST FEMAL; il BEST MALE è andato al solito Justin Bieber (che noia!); BEST LIVE agli One Direction (che fantasia!!!) e il BEST NEW ai 5 Seconds to Summer (Sorry, chi?)

Ariana Grande – esibizione e look

ariana grande

ariana

Immagine
Praticamente ormai i ragazzini fanno man bassa di premi. Se continua così l’anno prossimo premieranno Peppa Pig nella categoria Best Pink e i ragazzi dello Zecchino d’Oro come Best Chorus.
Ok, andiamo avanti.
Devo dire che mi ha inquietato, e non poco, l’assenza di altri illustri personaggi che di solito agli Ema ci svernano….Tipo: ma Rihanna? E Lady Gaga dov’era? E Taylor Swift non ha vinto nulla? Ma soprattutto MILEY CYRUS…che fine ha fatto Miley Cyrus??? Eh lo so che questi sono European e non American, però queste qui di solito stanno sempre dappertutto!!! Niente, il mondo sta andando proprio alla deriva, ve lo dico. Se non possiamo neanche più godere del twerking di Miley vestita da orsetto, dove andremo a finire? E’ proprio vero che si stava meglio quando si stava peggio.
In compenso, a colmare questa enorme lacuna, ci hanno pensato altri vip e svip di passaggio nella winner room o sul palco, con i loro look da “guarda che ti combino stavolta!”. Vediamone alcuni.
Alesha Dixon con un ammanicatissimo abito della designer col nome impronunciabile Mary Katranzou. E’ stato indetto un concorso per capire che cosa raffiguri esattamente la stampa sull’abito. Al vincitore un corso in dvd per imparare a pronunciare il nome della stilista.

alesha dixon in mary katrantzou
Alessandra Amoroso, che se la ride beata ed elegantemente fasciata nel suo abito, prima di scoprire che l’asiatica Bibi Zhou le aveva scippato il Best WorldWide Act. Eh Ale, c’è poco da ridere…

alessandra amoroso
Amy MacDonald che, forse scappata dal funerale del suo pappagallo, è approdata sul red carpet con un abito che non saprei come definire…Molto nero diciamo.

amy macdonald
Oh, ecco, qui invece abbiamo tale Charli XCX dove XCX sta per XCX (non lo so che significa, dev’essere un nome in codice), che ha allietato il pubblico con dei cambi di outfit da far rabbrividire le fashion addicted. Oltretutto non saprei dire qual è il peggiore tra l’outfit caramelloso con pellicciotto, quello da sciuretta alla fiera di paese con scarpe piumose e la tutina da Ufo Robot sfoggiata sul palco. ‘A Charli, anziché XCX era meglio se ti facevi chiamare SSS, ovvero Sono-Senza-Speranza.

charli
Emilie Sande ha dato invece sfoggio della regola delle proporzioni…sbagliate. Scollatura quadrata con maxicollier: no. Lunghezza midi che non sa di niente: no. Maxiscialle: no. Ritenta, sarai più fortunata.

emilie sande
Jess Glynne è stata più brava: della serie “mi metto quello che trovo nell’armadio, pescando a occhi chiusi e andando a tentoni”. Almeno ha risparmiato tempo sulla scelta dell’outfit. Totalmente bocciato ovviamente.

jess glynne
Ha fatto meglio Kiesza, la rossa tutto pepe che canta Hideaway, ve la ricordate? Meglio in winner room che sul palco però. Ma con quella voce, la perdoniamo.

kiesza
La vincitrice morale del look più brutto però è indubbiamente lei: Skylar Grey, capace di andare agli Ema come se stesse andando a fare spesa all’IperCoop, riuscendo a sbagliare non uno bensì due outfit. Una professionista.

skyler
Passando dai look agli altri premi assegnati, sono pervenute fortunatamente anche nominations più consistenti come il BEST ROCK ai Linkin Park (w Chester &co. li adoro!) e il  BEST ALTERNATIVE ai 30 Seconds to Mars di Jared Leto.
Per non parlare di quel gran pezzo di… cantante che è Enrique Iglesias, che si è presentato bello come il sole per cantare alcune sue hit, facendo letteralmente squagliare 3 quarti di pubblico femminile (l’altro quarto era andato a caricare la lavatrice e si è persa il momento).

enrique inglesias
Anche gli U2 hanno dato il loro contributo alla causa “rock” con l’esibizione di Bono Vox, sempre in formissima. Forse un pò troppo plastico nell’espressione. Speriamo non mi diventi BOTO VOX.

u2 con every Brakinng wave

bono vox
E che dire del buon vecchio zio Ozzy? Il leader dei mitici Black Sabbath è stato insignito del premio GLOBAL ICON, consegnatogli nientemeno che da Slash, altro personaggio che – per chi non lo conosce –  suggerisco massiccie dosi di YouTube per recuperare.

ozzy osbourne riceve il premio global icon da Slash
E proprio in onore di Ozzy Osbourne, per chiudere la serata c’è stata una fiammeggiante versione di “Crazy Train” interpretata da Slash, Miles Kennedy e Biffy Clyro. Olè, il rock è servito!

crazy train di ozzy con slash mhles kennedy e biffy clyro chiudono lo show
Appuntamento dunque all’anno prossimo con una grande novità: gli Mtv EMA 2015 si terranno nientepopodimenoche a Milano, in occasione dell’ Expo! Che dite, l’anno prossimo andiamo a vederceli dal vivo?

Nel frattempo godetevi questo siparietto con Nicki e il selfie con dinosauro 😉

To translate the post, click your flag:

Vi è piaciuto questo post e volete rimanere sempre aggiornati sugli eventi e le altre fashion news? Seguitemi su FACEBOOK

8 thoughts on “MTV EMA 2014- From Glasgow with love: Vincitori, vinti e look. Eccovi il Best Of

  1. Io aspetto di vedere la replica perchè domenica me lo sono perso…Comunque davvero esilarante la carrellata di look! 🙂

    *Marti*

  2. Jared Leto è un grande. Il talento ce l’hanno in tanti, il carisma in pochissimi: lui è uno di questi pochi eletti.
    Inoltre, va rilevato che ha avuto enorme successo sia come cantante che come attore: questo rivela che è un artista completo e possiede un’intelligenza non comune, indispensabile per affermarsi ad alti livelli in diversi campi.
    Io l’ho visto recitare in:

    Urban Legend
    Fight Club
    Ragazze interrotte
    Alexander
    Dallas Buyers Club

    Urban Legend e Dallas Buyers Club sono di gran lunga quelli che mi sono piaciuti di più.

    1. Ma soprattutto, oltre che grande cantante (io ho tutti gli album dei 30 seconds to mars e me li sento a ripetizione almeno una volta al mese!) e grande attore (io ho visto Alexander e Fight Club ma in Fight Club non me lo ricordo :o) diciamo che è anche un gran bel pezzo di ragazzo 😀 Ed è anche impegnato a livello sociale…Da sposare! 😉

        1. E sostituire Heath Ledger dunque ( se non sbaglio era lui ad interpretarlo)? Mmmh sono proprio curiosa! 🙂 Tu che sei esperto di cinema tienimi aggiornata! A proposito, ma hai sentito la notizia del film di Dario Argento con Iggy Pop finanziato dai fan con il crowdfounding???

          1. Non lo sapevo. Shame on me, perché da grandissimo fan di Dario Argento avrei dovuto esserne a conoscenza. Non mi stupisce che si sia rivolto al crowdfunding: sono anni che viene boicottato dall’industria cinematografica, quindi l’unica è farsi i film da solo. Grazie per la preziosissima informazione! 🙂

Rispondi