to top

Mission Impossible: come spiegare a un non-fashionista chi è Chiara Ferragni


Stavolta ci tengo a mettere le mani avanti e a dire che non me la sono andata a cercare.

Detto questo, a scanso di equivoci, vi spiego com’è andata.

Come ben sa chi mi segue (e se voi ancora non lo fate io direi che è ora di iniziare!) mi piace scrivere di moda a 360°: news, tendenze, sfilate…ma a volte può capitare che il mio ditino virtuale di blogger sconfini nel meraviglioso mondo del fashion blogging dove mi diverto ad andare a “sfrugugliare” varie situazioni. Non è colpa mia, evidentemente sono stata programmata così!

Ma andiamo al sodo: proprio ieri un mio amico (una persona davvero in gamba, ve lo dico) mi scrive un messaggio su facebook e mi posta la notizia della Ferragni avvistata a Roma in occasione dell’evento che si è tenuto da Louis Vuitton con tanto di paparazzi impazziti e scene da vip, dicendomi testuali parole: “Ma chi è? E’ così importante questa notizia?”

Intanto, per la cronaca, lei è Chiara Ferragni

caiajewelsbychiaraferragni15

Voi cosa avreste fatto, dopo aver letto il titolo che era “Chiara Ferragni vs il King dei Paparazzi” (che sembra il titolo di una di quelle canzoni di Marracash)? Forse avrei potuto rispondergli: “Naa lascia stare, tanto se non la conosci” oppure “ma come non la conosci, e dove vivi? In Turkmenistan?!!?”.

E invece no: mi sono inerpicata nella situazione più scomoda possibile: cercare di spiegare ad un uomo, un non- fashionista peraltro (perché una cosa in realtà non esclude l’altra) chi fosse Chiara Ferragni.

Ora, se speravate di trovare la biografia della nota fashion blogger potete anche chiudere qui, perché non la troverete. Per quello c’è il buon vecchio Google. In realtà il fulcro della discussione non era tanto spiegare a questo mio amico (che per comdità chiameremo M.) chi fosse Chiara Ferragni e cosa facesse nella vita, ma spiegargli proprio il “perché” una persona che fa il suo lavoro è arrivata ad essere tanto famosa da meritarsi una notizia spalmata in lungo e in largo su giornali e web per ogni cosa che fa (o quasi).

Intanto beccatevi un po’ di Chiara Ferragni Style

street1

street2

street3

street4

street5

Chiara Ferragni arriva a Roma e scoppia il caso. Chiara Ferragni è in prima fila alla sfilata di X, altro caso. Chiara Ferragni lancia la linea di scarpe, altro caso ancora. E il suo libro? Un super-caso! (ce l’ho anche io)

Il libro della Ferragni (quella dietro al libro ovviamente non sono io, con tutti quegli anelli mi sarebbe partita una mega dermatite)

libro

La mia risposta dunque alla domanda di M. in primis è stata: lei non è più una fashion blogger, Chiara è un’influencer. E anche un po’ modella se vuoi, è lo sponsor di se stessa, è un caso di personal branding vivente. Lui ovviamente mi ha chiesto “in che senso modella e influencer?” e io gli ho spiegato quello che effettivamente fa Chiara Ferragni anche se in maniera concisa: da un blog di moda (theblondesalad il primo nel suo genere qui in Italia) alle sfilate, dal prestare volto e corpo a stilisti e brand (qui il suo essere “modella”) ad essere lei stessa designer (in questo caso di una linea di scarpe) ad influencer con milioni di persone che la seguono. La risposta di M. a tutto ciò non è tardata ad arrivare: “Ok, ho capito, questa non fa un cacchio”.

Bingo.

La questione è proprio quella: Chiara Ferragni non è vero che non fa un cacchio, anzi. Lei ha saputo costruirsi un lavoro, un personaggio, un seguito e una reputazione a livello internazionale. Ora ha un’intera agenzia che la segue ovviamente, non si ferma un attimo e chi la segue su social (dove ha quasi 4 milioni di followers solo su Instagram e 1 milione su facebook) lo sa. In più lei è stata davvero brava e ha avuto l’occhio lungo perché ha saputo sfruttare il famigerato “vantaggio del pioniere”.

Profilo Instagram della Ferragni, così tanto per dire (freccina rossa please)

instagram

Per chi non ha dimestichezza con le teorie economiche, ve la spiego in soldoni: la Ferragni ha avuto successo non solo perché è brava nel fare ciò che fa, ma bensì perché è stata la prima. Iniziare avendo zero concorrenza le ha permesso di conquistare subito in maniera poderosa la sua nicchia di mercato. Anzi, la nicchia di mercato, quella delle “fashion blogger”, l’ha creata lei. Che poi sia esplosa diventando non più una nicchia ma una porzione di mercato peraltro ormai satura, è un altro discorso.

Chiara Ferragni, la linea di scarpe

9309342281_ecc5963483_o

Dunque altro che non fare un cacchio: Chiara Ferragni fa molto di più di quanto non facciano tutte le fashion blogger che hanno tentato di emularla e sono venute dopo di lei. Tra l’altro nessuna è riuscita a bissare il suo successo, restano tutte inesorabilmente un gradino sotto. Chiedetevi il perché.

Ma tornando alla discussione con M. ad un certo punto lui mi pone la fatidica domanda: “Sì, ma perché i brand (o gli stilisti) scelgono di pagare lei per fargli da testimonial e non qualche altro vip?”

Ari-bingo.

Seconda formula che ha permesso a Chiara Ferragni in primis, e alle altre fashion blogger che collaborano con i brand poi, di essere pagate per il loro lavoro di testimonial per ciò che indossano, fotografano e poi postano sui loro blog, è quella dell’anello di congiunzione tra brand e pubblico.
Vi faccio un esempio terra terra: immaginate di voler acquistare un paio di scarpe ma siete indecise. In tv vedete la vip di turno che vi dice di comprare X, poi navigando in rete andate su quel blog che vi piace tanto, dove c’è quella ragazza che seguite da un po’ e che stimate perché in fondo è un po’ come voi e lei vi consiglia di comprare le scarpe Y. Secondo voi su chi ricadrà la scelta?

Chiara Ferragni nei front-row/backstage delle più celebri fashion weeks

1806962360_extras_albumes_0

Evidenza_KateMoss_Ferragni

rachel-zoe,-chiara-ferragni,-harley-viera-newton-and-atlanta-de-cadenet-taylor-calvin-klein-show-rexfeatures__large

Chiara+Ferragni+Front+Row+Valentino+7EDjyUfsPMRl

Chiara Ferragni ha aperto la pista ad un nuovo modo di fare marketing e social: il brand sceglie la blogger anziché il vip perché la blogger è più vicina al target di riferimento. Certo, per vendere un macchina di extra lusso magari servirà sempre Claudia Schiffer, ma per l’ultimo modello di borsa griffata, meglio farla indossare ad una blogger perché il messaggio che passerà, in maniera molto spicciola, è che se lei può, puoi anche tu. E, allo stesso tempo “se vuoi essere come lei, basta comprare ciò che lei indossa” ed ecco che Chiara Ferragni diventa l’anello di congiunzione tra il brand e il pubblico che prima non c’era e che è differente dal vip, che rimane comunque abbastanza “impersonale”. In fin dei conti sarà sempre più verosimile assomigliare ad una fashion blogger che non a Claudia Schiffer no? 😉

Voi che ne pensate? Come vedete il ruolo delle fashion blogger (e di Chiara Ferragni) nell’attuale panorama moda?

Ah già, scusate, quasi dimenticavo: alla fine non sono riuscita a convincere il mio amico M. sul ruolo della Ferragni. In conclusione la sua laconica risposta è stata “Non capirò mai questo mondo o forse non lo accetterò mai”.

Pazienza oh, io almeno c’ho provato! 😉


Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: