to top

Milano Fashion Week #day6: va in scena l’eleganza di Giorgio Armani


Ogni volta che Giorgio Armani fa sfilare i suoi abiti è sempre un’emozione scoprire quali sfumature ha scelto per enfatizzare la purezza delle linee e dei tagli. Perché Re Giorgio non si chiama così a caso: ha davvero qualcosa di regale. Sarà il gusto innato per le cose belle, semplici e allo stesso tempo ricercate, sarà la cura dei dettagli, dove anche un bottone o una tasca fanno la differenza, sarà la perfezione degli accostamenti tra abiti e accessori: mai una sbavatura, mai un eccesso, qualcosa fuori posto o sopra le righe. La perfezione più assoluta.

E stamattina, vedere in diretta streaming la sua collezione, vi assicuro, è stato emozionante. Perché quando vedi gli abiti di Armani non pensi mai “Meravigliso, ma nessuno potrebbe indossare cose del genere”, pensi sempre che potresti metterli anche tu e questo, anziché banalizzarli, li rende ancora più desiderabili.

E questa volta, per la sua collezione Autunno-Inverno 2014-2015, Re Giorgio ha portato in passerella tutte le sfumature del grigio, anche accostate tra loro, un po’ di nero e qualche tocco di verde e giallo acido: il risultato, lo potete vedere voi stessi, è superbo.

Un po’ un ritorno alle origini e alla sua amata donna in carriera, vestita in maniera comoda, pratica ed elegante, ma assolutamente attuale, con completi tagliati su misura e indossati a pelle, pants un po’ tomboy style, fluidi e tagliati alla caviglia, stringate o scarpe a T con tacco medio e maxi bag coordinate.

Armani1

armani

E ancora cappotti sartoriali simili a cappe, giacchini couture o in pelo, gilet: niente revers, pochissimi bottoni, linee fluide e slim, tante pochette rigide per i completi più eleganti o gli abiti da sera.

armani2

armani3

armani4

armani5

armani6

armani8

E per gli abiti lunghi dominano i corpetti senza spalline o le scollature a V e a cuore, mentre le gonne sono lunghe, lunghissime ma sobrie e fluide, impreziosite da cascate di paillettes e minuscoli punti luce, sempre tutto giocato sulle sfumature di colore, senza troppi stacchi netti.

armani10

armani11

Insomma una collezione strepitosa che conferma ancora una volta la bravura di Armani e la sua capacità di stupire con l’essenziale, senza troppi fronzoli, senza tacchi vertiginosi, senza trucchi esagerati: le modelle si fondono con i suoi abiti, con semplicità e disinvoltura, come se ciò che indossano fosse stato creato apposta per loro rimanendo allo stesso tempo perfetto per qualunque altra donna.

To translate the post, click your flag:


  • KobeB8

    Ha portato a Milano dei vestiti ricchi di un incantevole normalità. Con il tuo articolo mi è sembrato di esserci anch’io a bordo passerella!!! Mi piace leggerti! 😉

    febbraio 24, 2014 at 6:15 pm Rispondi

Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: