Ho avuto il piacere di conoscere Valentina Sarli poco tempo fa, in occasione del Fashion Connection Lounge #0.1 organizzato da StyleBook (per leggere l’articolo clicca qui)  e sono rimasta colpita dalla sua straordinaria creatività. Così, dopo l’esperienza di AltaRoma, in cui le creazioni di Valentina hanno sfilato in passerella insieme a quelle di altri artisti dell’Accademia dei Sartori, ho pensato di intervistarla per scoprire qualcosa di più su di lei e sui suoi progetti stilistici.

Ma conosciamola un po’ meglio.

Originaria di Roma, Valentina Sarli ha studiato grafica pubblicitaria in Italia e fotografia presso l’Accademia di Arti Visuali in Messico, lavorando in entrambi i settori come freelance.

Poi, nel 2003, ha iniziato a lavorare presso il famoso Atelier dello stilista Italiano Fausto Sarli, dove ha coniugato il lavoro di alta moda con la fotografia per quasi dieci anni. Nel 2012, dopo la formazione come stilista di moda, Valentina ha deciso di intraprendere un percorso tutto suo creando un proprio marchio di accessori e abiti che si caratterizzano per la lavorazione fatta a mano, continuando nel frattempo a coltivare il suo amore per la grafica e il disegno con cui dà vita ad opere d’arte e oggetti di design particolari. Chiediamo direttamente a lei com’è nato il tutto.

Valentina Sarli – Photo by Chiara Kurtovic

photo.php

BW: Ciao Valentina e grazie mille per aver accettato questa intervista!

Valentina: Ciao Claudia, grazie a te!

BW: Allora partiamo dal tuo ultimo progetto, ovvero la linea Volumi 2014. Da dove è nata l’ispirazione per realizzare dei cappelli haute couture?

Valentina: La fonte della mia ispirazione è varia, va dai ricordi del mio passato agli  elementi dell’ambiente circostante, ma una parte dell’ispirazione proviene anche da mio nonno, lo stilista Fausto Sarli.

BW: Quali elementi del suo stile hai riportato nella tua collezione?

Valentina:  Pensando a lui e alle sue creazioni ho cercato di dare i volumi che evocano la leggerezza dei tagli attraverso la costruzione con pieghe, plissettature e drappeggi.

Senza titolo-2

BW: E’ un lavoro molto particolare creare volume e leggerezza allo stesso tempo.

Valentina: Decisamente. Si tratta di pensare ai volumi e all’estensione dello spazio, dando una tridimensionalità ad un tessuto che nasce in piano e cercando poi di dargli volume. La collezione si propone proprio di dare luogo alla trasformazione di un oggetto e dargli un look tridimensionale.

BW: Bè fantastico, lo trovo un procedimento molto particolare. Hai quindi una filosofia di base da cui parti con le tue creazioni…

Valentina: Diciamo che la filosofia che uso nei miei progetti è la scoperta del mondo interiore, la percezione e l’interpretazione personale che passa attraverso i materiali che vengono elaborati, riutilizzati e  generati in altri oggetti.

IMG_8017

BW: Quindi i tuoi cappelli, oltre ad essere delle opere d’arte, sono comunque creazioni da indossare. Per quali occasioni li trovi perfetti?

Valentina: Sicuramente con gli abiti da sera e da sposa.

BW: Usi materiali e colori particolari?

Valentina: Utilizzo per lo più file, organza, raso di seta, satin, gazar, cady e cotone stampato, mentre per quanto riguarda i colori, ho realizzato i cappelli in nero, viola, bianco ed ecrù.

Senza titolo-1(1)

BW: Giusto una settimana fa sei stata ad AltaRoma con la tua collezione. Come è stata questa esperienza e cosa ti ha lasciato?

Valentina: AltaRoma è stata per me un’esperienza importante. Poter presentare la mia collezione VOLUMI nella stessa sala dove sfilava mio nonno è stato emozionante.

Senza titolo-1

BW: Pensi che AltaRoma riesca concretamente a dare impulso all’Alta Moda italiana o ormai è diventato un evento solo di rappresentanza?

Valentina: Credo che AltaRoma rappresenti un momento importante sia per gli stilisti affermati che per quelli emergenti.

Hat by Valentina Sarli  – VOLUMI SS14 – AltaRoma FashionWeek

1526578_444443288989031_643961966_n

1512359_444442132322480_180968492_n

image

image(1)

BW: A parte tuo nonno Fausto Sarli, hai altri stilisti o designer a cui ti ispiri o che semplicemente segui e apprezzi?

Valentina: Seguo le varie manifestazioni della moda, penso che ci siano tanti bravi stilisti tra i celebri e gli emergenti.

BW: E nella vita di tutti i giorni, che tipo di stile ti contraddistingue?

Valentina: Penso di avere un mio stile, indosso ciò che mi piace.

BW: Per quanto riguarda la grafica ed il disegno invece, quale tra i due preferisci? E che programmi di grafica utilizzi maggiormente?

Valentina: Preferisco il disegno. Sui miei blocchi di carta nascono molti dei miei progetti e vedere la trasformazione dello stile da foglio a foglio è come tenere vari  diari di memorie creative. I programmi che uso per la grafica invece sono Illustrator e Photoshop.

BW: Sei un’appassionata di fotografia. Quali sono i tuoi fotografi preferiti?

Valentina: Amo i lavori di molti fotografi ma tra i miei favoriti ci sono Richard Avedon e Irving Penn.

BW: Condivido in pieno! Sono tra i miei preferiti! Oltre alla linea Volumi, quali altri progetti bollono in pentola? Puoi svelarci qualcosa?

Valentina: Progetti molti, ma per scaramanzia preferisco non parlarne!

BW: Ci lasci i tuoi contatti dove possiamo seguirti?

Valentina: Potete venirmi a trovare sulla mia pagina facebook Valentina Sarli.

Ringraziamo ancora Valentina Sarli per la sua disponibilità e ovviamente vi terrò aggiornati sulle prossime news!

Stay tuned!


Rispondi