to top

ICONS: Milena Canonero, una costumista da Oscar


«Mi sarebbe piaciuto vestire Steve Jobs, il mio eroe: indossava sempre le stesse cose ed era di un minimalismo pazzesco. Non a caso mi è piaciuto lavorare su Carnage di Polanski, con quattro attori e un costume ciascuno. Certo, ci devi pensare bene, ma, trovato l’abito, hai fatto quasi tutto. Mi ricordo Arancia Meccanica: il costume dei Drughi è tuttora, credo, il migliore che ho fatto, è ancora attuale. Anche lì, avuta l’idea, tutto è stato in discesa».

Così ha rivelato in un’intervista Milena Canonero, una delle più celebri costumiste italiane.
Sì perchè, in questi giorni, c’è un gran fermento nel mondo della moda: la New York Fashion Week prima, la settimana della moda londinese poi, ed ora tocca a Milano, che ha inaugurato l’altro ieri la sua fashion week. Sul web ovviamente si parla di sfilate, com’è giusto che sia, di front row, di fashion blogger e vip vari in giro per la città e dei loro look. Ma domenica sera si è svolta, come tutti sapete, la celebre premiazione degli Oscar 2015 e l’attenzione di tutti (me compresa) è stata catturata dal red carpet e dagli abiti indossati dalle star. Eppure, calmate un po’ le acque, sembra quasi che uno degli Oscar più importanti in assoluto per noi italiani, ovvero quello vinto dalla storica costumista Milena Canonero, sia già stato archiviato.

Per questo, prima di tuffarmi anche io nell’analisi delle varie sfilate, ho voluto dedicare un articolo a questa straordinaria costumista, in grado di dar vita ad abiti meravigliosi, innovativi oppure ricercati ed antichi, ma sempre in grado di vestire alla perfezione i vari personaggi del cinema, dando loro ancora più personalità e spessore.

Quattro: questo il magico numero degli Oscar per i costumi vinti da Milena Canonero, il primo con Stanley Kubrick per “Barry Lyndon”, poi per “Momenti di gloria”, per “Marie Antoinette” di Sofia Coppola e ora per “Grand Budapest Hotel” di Wes Anderson. Quattro Oscar che continuano a tenere alto il nome della tradizione italiana nel mondo.

milena-canonero

Ma come è arrivata a cotanto successo Milena Canonero?
Torinese, classe 1946, Milena ha svolto i suoi studi a Genova, poi sono arrivati i primi lavori in piccoli teatri londinesi, fino a quando una sera, con il suo fidanzato di allora (il giornalista Riccardo Aragno) che era inviato della Stampa e traduceva i film di Kubrick per il doppiaggio italiano, non incontra il grande regista. Fu durante una cena che Kubrick chiese a Milena se voleva realizzare i costumi per “Arancia Meccanica”.  A quei tempi non era facile per una donna entrare in mondo come quello del cinema, soprattutto in quel ruolo, ma Milena dimostrò fin da subito una caparbietà ammirevole, non poteva perdere quell’occasione,  e così imparò a cucire i costumi. Fu quello il suo salto di qualità che le permise di entrare nel grande cinema.

Da lì in poi la carriera di Milena Canonero decollò: quattro anni dopo, insieme alla collega svedese Ulla-Britt Söderlund diede vita agli abiti settecenteschi per “Barry Lyndon”, sempre di Kubrick, che le valsero l’ Oscar. E poi i costumi per “Shining”, “Cotton Club”, “La mia Africa”, “Il padrino III” e molti altri. Ma è con i costumi realizzati per “Momenti di Gloria”, nel 1992, che la Canonero conquista la seconda statuetta.

I costumi realizzati da Milena Canonero: “Arancia Meccanica”

A CLOCKWORK ORANGE, Warren Clarke, James Marcus, Malcolm McDowell, 1971

arancia-meccanica-costumi-2

“Berry Lindon”

Immagine

berry lindon4

berry lindon3

“Dick Tracy”

DickTracy

“Shining”

shining

“La mia Africa”

la mia africa

“Momenti di gloria”

momenti di gloria

“L’intrigo della collana”

l'intrigo della collana

“Titus”

titus

Quello che più dice di amare la Canonero del suo lavoro, che ha sempre svolto con passione e competenza, è stata la libertà concessale dai registi. Ricorda di aver consigliato lei stessa a Sofia Coppola, regista di “Marie Antoinette”, l’idea delle Manolo Blahnik e delle Converse ai piedi di Kirsten Dunst. E sempre per “Marie Antoinette”, la Canonero racconta di aver trovato l’ispirazione grazie ad una scatola di macaroons di Laduree, da cui riprese i colori pastello e confetto per gli abiti di scena. “Una costumista non è come un disegnatore di moda, libero di disegnare la sua collezione. A volte il regista ti dà più spazio. E devi lavorare molto da vicino con truccatori e parrucchieri per mettere insieme un look totale” ha spiegato poi.

“Marie Antoinette”

marie antoinette

Immagine

marie3

marie4

In “Grand Budapest Hotel”, con cui ha conquistato il suo quarto Oscar, Milena si è invece ispirata alle pitture di Gustav Klimt. Ed è forse proprio l’ispirazione, il modo in cui questa si genera spontaneamente e potenzialmente da qualunque cosa, l’elemento che maggiormente caratterizza la straordinarietà del lavoro della costumista. Che ha un unico rimpianto nella sua vita: aver rifiutato l’offerta di George Lucas di realizzare i costumi per “Guerre Stellari”.

“Grand Budapest Hotel”

grand budapest hotel

GBH

GBH2

E fino al 22 marzo le creazioni di Milena Canonero saranno esposte al Museo di Roma Palazzo Braschi, protagoniste della mostra “I vestiti dei sogni”:  un viaggio lungo un secolo nel cinema mondiale attraverso gli abiti delle costumiste e dei costumisti italiani, degli artisti e degli artigiani, che hanno fatto grande il cinema, italiano e internazionale. Da Milena Canonero al grande Piero Tosi, Danilo Donati e Gabriella Pescucci e molti altri, compresi tutti coloro che li hanno realizzati, saranno protagonisti di un percorso espositivo d’eccellenza che raccoglie oltre 100 abiti originali, decine di bozzetti e una selezione di oggetti che hanno fatto la storia del cinema.

Una mostra imperdibile per chi vuole ammirare da vicino il lavoro di questa straordinaria costumista.

———————————————————————————————————————————————————–

SCARICA LA TUA GUIDA GRATUITA CON TUTTI I TREND PRIMAVERA-ESTATE 2015, BASTA INSERIRE NEL FORM QUI SOTTO LA TUA EMAIL:


  • BlondyWitch

    ICONS: Milena Canonero, una costumista da Oscar http://t.co/QhKvOKH1Vy

    febbraio 27, 2015 at 4:09 pm Rispondi
  • lamodavaalmercato

    …non conoscevo la storia della Canonero, se ci riesco andrò a palazzo braschi per la mostra.
    come sempre grazie per le tue anticipazioni!!!

    febbraio 27, 2015 at 4:22 pm Rispondi
  • wwayne

    Quando hai nominato Barry Lyndon mi sono sciolto. E’ uno dei miei film preferiti, e anche uno dei primi che ho recensito nel mio blog. Molti lo ritengono un film lento, ma io non ho avuto affatto quest’impressione. E te lo dice uno che i film lenti non li sopporta proprio.
    Per quanto riguarda Grand Budapest Hotel, uno dei dettagli tecnici che ho apprezzato di più in questo film è proprio la scelta di utilizzare colori molto accesi, sia per i costumi (e qui è merito della Canonero) che per la scenografia. Del resto i colori “sparati” sono un marchio di fabbrica di Wes Anderson, e saltuariamente sono presenti anche nei film di Pedro Almodovar.
    Riguardo invece alla scelta di inserire dettagli anacronistici, come le Converse in Marie Antoinette, dipende dal modo in cui sono inseriti: se in un film di Storia Romana metti un tizio vestito in giacca di pelle (vedi foto di Titus nel tuo post), allora l’anacronismo è troppo sfacciato e non mi piace; se invece gestisci la cosa in modo più sottile (ad esempio mettendo le Converse sullo sfondo di una stanza che per il resto è completamente settecentesca), allora è una figata, perché in questo modo l’anacronismo diventa difficile da cogliere, e soltanto uno spettatore molto attento può accorgersene. Diventa una sorta di “Trova l’intruso”, come nella Settimana Enigmistica! 🙂
    Comunque, il film più bello che abbia mai visto dal punto di vista dei costumi, della scenografia e dello sfarzo in generale è sicuramente Il grande Gatsby.
    Un altro film che ti lascia a bocca aperta per la sua bellezza estetica è In mezzo scorre il fiume, che però è esteticamente bello in modo diverso: Il grande Gatsby ti riempie gli occhi con il suo sfarzo artificiale, In mezzo scorre il fiume con gli splendidi paesaggi naturali in cui é ambientato. Ti straconsiglio di guardarlo se non l’hai già fatto.

    febbraio 27, 2015 at 5:43 pm Rispondi
      • wwayne

        Grazie a te per la risposta, e a presto! 🙂

        marzo 1, 2015 at 7:04 pm Rispondi
  • zairasessa

    Questa donna è semplicemente geniale e di un gusto sopraffino!!! Io ho adorato il suo lavoro in Maria Antonietta, i costumi parlavano, raccontavano minuziosamente lo sfarzo e l’eccesso dell’epoca ma con una raffinatezza ineguagliabile. La considero un mito…e poi è torinese come me 🙂

    febbraio 27, 2015 at 8:55 pm Rispondi
  • eauderugiada

    Wow!!!! Bellissimo post, complimenti!!!! Non conoscevo la storia della Canonero, è veramento un mito!!

    febbraio 27, 2015 at 9:05 pm Rispondi
      • eauderugiada

        Ha fatto benissimo secondo me, qui non avrebbe potuto aspirare a tanto né lavorare con geni del calibro di Kubrick e Sofia Coppola! So che il mio è un commento forse un po’ polemico ma purtroppo la situazione in Italia per chi vuole vivere di arte è questa 🙁

        marzo 1, 2015 at 5:08 pm Rispondi
          • eauderugiada

            Magari, sarebbe davvero bellissimo! Complimenti per il blog, ti seguo sempre! :*

            marzo 3, 2015 at 11:31 am
  • emma york

    Adoro leggerti!!!! Un abbraccio tesoro <3

    febbraio 28, 2015 at 5:42 pm Rispondi
  • La Pinta

    E’ stato una bellissima avventura quella di avere potuto fare una Tesi di Laurea su di lei!! Anche se ho avute diverse difficoltà per via del poco materiale che esisteva, mi sono appassionata alla sua carriera e all’intenso rapporto che creò con il grande Stanley Kubrick!!
    Orgogliosa di lei e dei bellissimi lavori che ha realizzato!!
    Un bacio cara!!

    Giulia

    marzo 3, 2015 at 5:02 pm Rispondi
  • Bea

    Stupendo il tuo post Claudia! Hai trattato un argomento molto interessante con competenza e le foto sono bellissime! Ti auguro un sereno e lieto we! ^_^

    marzo 7, 2015 at 9:32 am Rispondi

Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: