For the English version of the post, click here: Grammy Awards 2014

Altro giro, altra corsa. E aggiungerei: altro red carpet. Eh sì, perché pur presissima da AltaRoma e dalle sfilate di questi ultimi giorni, non mi è sfuggita la 56°edizione dei Grammy Awards tenutasi l’altro ieri al Nokia Theatre di Los Angeles.

Immagine

O meglio, sono sincera, mi era sfuggita fino a quando, giusto ieri a pranzo, non mi sono fatta quasi andare gli spaghetti di traverso mentre passavano al tg, nell’ordine: l’improbabile esibizione di Beyoncè e Jay-Z; Madonna ringiovanita di 20 anni e con lo stesso cappello di 10 anni fa; premi su premi ai robotici Daft Punk e, tra le esibizioni live, mi si proponeva una Pink sospesa stile trapezista mentre cantava una delle sue hit (ma non l’aveva già fatto l’anno scorso?!?!)

Da sinistra: Beyoncè e consorte; Madonna e Pink

Immagine

Daft Punk con Pharrell Williams

daft punk

E questo sarebbe il meglio della musica internazionale?!?! Sicuramente il tg ha omesso premi ben più importanti, dai, ma ti pare che non c’era dell’altro? Qualcosa di meglio, qualcosa di nuovo…ah ecco: best song dell’anno a Lorde con la sua Royals. Lorde chi?!?!

La neozelandese Lorde

Immagine

Altro che crisi economica, qui siamo in piena crisi anche musicale!

Poi però mi informo meglio e leggo che come migliore canzone Rock è stata decretata “Cut Me Some Slack”, frutto della collaborazione tra gli ex Nirvana Dave Grohl, Krist Novoselic e Pat Smear e Paul McCartney, che un Grammy Trustees Award è andato ad Ennio Morricone per il suo inestimabile contributo alla musica e che i Led Zeppelin hanno ricevuto il loro primo Grammy (primo?!!?) vinto per l’album live Celebration Day registrato in occasione della loro reunion del 2007.

Musicalmente parlando mi piange il cuore a veder tagliati fuori artisti come Depeche Mode e Placebo, per non parlare degli Artic Monkeys, a favore di tali Macklemore e Lewis che per quanto possano essere bravi, ragazzi hanno fatto sì e no 3 canzoni!!! Ma dato che BlondyWitch FashionBlog è un blog di moda, passiamo al red carpet e non ne parliamo più!

Eccovi dunque una carrellata di momenti live dello show e di volti celebri sul red carpet, inguainati nei loro abiti supergriffati, alcuni con ottimi risultati, altri meno. Enjoy!

-Live Show-

Paul McCartney e Ringo Starr in grande spolvero per una reunion d’eccezione (ma voi la sapevate la storia che Paul Mc Cartney non sarebbe davvero lui, ma un sosia?!)

Immagine

Madonna versione White: sul red carpet indossava su per giù gli stessi panni, ma neri. O ai saldi ha fatto man bassa da Ralph Lauren o ha fatto il lavaggio con la candeggina durante la pubblicità dei Grammy.

Immagine

Steve Tyler: Cioè, ma quest’uomo è eterno, quanti anni ha?!

Immagine

Pink e Nate Ruess

Immagine

I Metallica

Immagine

Jared Leto: Perchè, perchè anche se ti vesti bene, hai immancabilmente qualcosa legato in vita che non c’entra assolutamente nulla?! Parliamone Jared!

Immagine

-Red Carpet-

Katy Perry in Valentino: Adoro.

Immagine

Rita Ora in Lanvin con borsina Jimmy Choo: Ragazza fortunata!

Immagine

Alicia Keys in Armani Privè: scelta azzeccata, bella linea, bel colore…e poi è Armani…che gli vuoi dire?!!?

Immagine

Madonna in Ralph Lauren: Prima del lavaggio sbagliato. Nell’insieme è impeccabile. Però mi sa tanto di sceriffo della contea col vestito della festa: almeno il bastone se lo poteva risparmiare!

Immagine

Pink in Johanna Johnson: Perfetta. (Vabbè ho un debole per lei, la adoro!)

Immagine

Taylor Swift in Gucci Premiere: Dalla perfezione al perfettinismo applicato. La solita…

Immagine

Beyoncè in Michael Costello: Svolta sexy per Beyoncè (sarà l’effetto Therry Richardson anche per lei?!?!)…Nel dubbio la preferivo prima.

Immagine

Kelly Osbourne in Badgley Mischka: Stavolta ha azzeccato il vestito, ma quella parrucca la vogliamo cambiare?!?!

Immagine

Paris Hilton in Haus of Milani: Il vestito è molto bello, ma lei che c’entra ai Grammy Awards?! Canta? Balla? Presenta? Porta a spasso i chihuahua degli altri? Mah!

Immagine

Iggy Azalea in Elie Saab: Eterea. Statuaria. Perfetta. Ma un lip gloss un po’ più acceso no?

Immagine

Cyndi Lauper in Alexander McQueen: Coraggiosa. Dieci+!

Immagine

Anastacia in Blumarine: Mi piace, anche se una come lei potrebbe osare colori più forti.

Immagine

In tutto ciò lei, Sarah Hyland, che ignoro totalmente chi sia (sì, potrei vedere Wiki, ma insomma datemela per buona), risulta essere la mia preferita su questo red carpet. Adoro la scelta dell’abito di Emilio Pucci, semplice e perfetto.

Immagine

Ps. Fortuna che non sono i premi a fare il talento, né la storia, altrimenti gruppi come i Guns‘n Roses, che un Grammy non lo hanno mai visto neanche in foto, non sarebbero mai esistiti!!! 😉


One thought on “Grammy Awards 2014: and the winner is…

Rispondi