to top

Filippo Laterza porta ad Altaroma la sua Opera Orientale: ed è subito incanto


Grande successo per Filippo Laterza e la sua collezione Opera Orientale presentata nell’edizione di gennaio 2018 di Altaroma.

 

Giovane, talentuoso, visionario: impossibile non riconoscere in Filippo Laterza le caratteristiche tipiche di un vero astro nascente nel mondo della moda.

Classe 1995, una famiglia di sarti, Filippo scopre la sua passione per l’abbigliamento stando nell’atelier della nonna prima e della madre poi, dove respira sin da piccolo il profumo dei tessuti e l’aria del fatto a mano.

Una vita di studio ed esordi  importanti nell’industria del lusso con collaborazioni con brand come Quis Quis, From The World, Cesare Paciotti, Alisha V.

La sua irrefrenabile passione per la moda lo porta però a creare anche una linea propria, ispirata al mondo dell’arte.

E’ così che all’inizio del 2017 Giovanna Roveda, Art Director del Book Haute Couture, convince Filippo a presentare le sue creazioni all’Alta Moda di Roma: oggi, ad un anno di distanza, dopo innumerevoli successi e riconoscimenti, Filippo incanta l’alta moda capitolina con una collezione a dir poco bellissima.

La sua Opera Orientale é un ideale ponte fra Oriente e Occidente, un cammino fra culture e tradizioni, fra diversi stili e differenti visioni dell’arte, un caleidoscopio di costumi e culture differenti, dove si fondono innovazione e tradizione, naturalezza e artificio.

Il viaggio creativo ispirato alla “Via della Seta” fonde così orientale e mitologico trasformando l’inedito mix in pura pop art, dove la sartorialità e l’eleganza anglosassone si vestono di contrasti fra orientalismo e modernizzazione.

Tagli, volumi e forme dell’alta moda sono modernamente rivisitate: la pittura del cuore “Liampu” dei protagonisti dell’Opera di Pechino, ad esempio, viene trasportata su abiti, cappe e gonne.

Un viaggio nel Regno Unito ha ispirato lo stilista in un’altra parte della collezione, con il castello di Cardiff e Highgrove garden che hanno influenzato la creazione di nuovi tessuti, in cui si fondono i disegni Principe di Galles con le rose antiche inglesi, mentre i broccati e i fil coupé, grazie a speciali armature realizzate con le tecniche del taglio dei fili di slegatura, riescono a disegnare fiori e ghirlande che paiono tridimensionali e ricamati su fondi Principe di Galles e scozzesi.

La collezione di Filippo Laterza è ricca di dettagli ricamati a mano e vanta pregiati macramè francesi, velour di seta wet effect e preziose douchesse e velour stampate con i disegni dell’opera cinese realizzati dall’azienda Seride in Italia.

Grande importanza hanno jacquard, broccati in lurex double-face, fil-coupè e tessuti devorè disegnati da Filippo Laterza per la luxury label del gruppo MaiDiLang.

Complimenti a questo giovane designer che sicuramente ci stupirà ancora con le sue creazioni.

 


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: