Cari amici, l’inverno è ormai alle porte e così ho pensato di creare uno speciale fashion report che racchiuda in diverse sezioni tutti i must-have di moda in questa fredda stagione. Oggi iniziamo dal principio, ovvero da capispalla, tailleur e maglioni, ma non perdete i prossimi appuntamenti: in lista ci sono anche colori, tessuti, abiti, accessori e persino le accounciature più cool. Insomma tutto quello che occorre sapere in fatto di moda per l’autunno-inverno 2015/2016.

Oggi intanto partiamo da qui:

#CAPPOTTI

Grande ritorno quest’anno delle forme cocoon, dei volumi morbidi, dei tessuti avvolgenti, in una parola: over. I cappotti più cool del prossimo inverno sono fatti per essere comodi ed eleganti, ma sono dotati allo stesso tempo di forte personalità grazie a tessuti pregiati e grafismi degni di un’opera d’arte, come quelli portati in passerella da Carolina Herrera, Delpozo ed Edun.

cappotto-over-carolina-herrera-delpozo-edun-620x330

Per chi ama lo stile classico, glam e sobrio, grande cult di questa stagione sarà poi il cappotto cammello, versatile e perfetto sempre, un evergreen che troverà il suo accostamento ideale con il jeans e non solo. Tra i modelli più cool visti in passerella possono essere annoverati quelli di Max Mara, Opening Ceremony e Rag&Bone.

cappotto-cammello-max-mara-opening-ceremony-rag-e-bone

Grande ritorno poi anche del doppiopetto: particolare e riservato alle occasioni più formali, il doppiopetto in versione 2015 si presenta lineare, avvolgente, in colori sobri ma che si fanno notare ed esaltano le linee, perfetto anche in versione metropolitana come mostrato dai brand DKNY, Edun e Victoria Beckham.

doppiopetto-dkny-edun-victoria-beckham1

#PELLICCIA (ECO!!!!)

Quest’anno le pellicce tornano protagoniste del guardarobe invernale, ma in versione decisamente rinnovata. A lanciare il nuovo trend, come di consueto, il guru dei capispalla in pelo alias Karl Lagerfeld che, a capo della maison Fendi, ha mandato in passerella dei modelli di pelliccia decisamente innovativi e soprattutto dall’inconfondibile gusto glam: tra i suoi modelli spiccano pellicce lunghe e con cappuccio, dal sapore dark, o beige con fascia bianca o anche stile piumino, ma dal mood voluttuoso e moderno.

1

Lo segue a ruota Jeremy Scott che, in qualità di mente creativa di Moschino, ha pescato dal mondo dei fumetti i colori più divertenti e accesi per colorare le sue pellicce: con cappuccio da orsacchiotto o giallo limone, come fa anche Versace.
Bellissimi anche i modelli di pellicce proposte da Gucci – a righe – da Louis Vuitton – che sceglie il total white o l’animalier – e quelle firmate Armani Privè – colorate in viola verde e blu. Stupende le pellicce bicolor di Elie Saab, mentre Dsquared2 punta sul mood folk con geometrie e stampe etniche e Valentino sul lungo in patchwork di colori sfumati.

2

Ancora, Philosophy propone pellicce in colori bon ton come l’azzurro cielo, Ralph Lauren sceglie un mood classico e senza tempo, Rodarte le propone con collo ampio e in colori a contrasto mentre Simonetta Ravizza in stile gilet, nera, e Stella McCartney lunga e con cappuccio, da vera dark lady. Tibi declina le pellicce in un tenue grigio perla come anche Tommy Hilfiger, che aggiunge ricami ton sur ton. Infine marsala, il colore dell’anno, per le pellicce di Zac Posen e tweed con collo over per Altuzarra.

copertina-pelliccia

#TAILLEUR

Ce n’è per tutti gusti: dai classici tailleur pantalone di Chloè e Marc Jacobs, stretti in vita da cinture sottili per sottolineare la figura, al nero gessato e sensuale di Versace, fino a Pucci che, per il suo tailleur, punta sulla ciniglia. Impeccabili i tailleur firmati John Richmond, dal mood decisamente androgino, e quelli di Christopher Kane, con revers rossi a contrasto, mentre Gucci punta su microgiacchini dal sapore military per i suoi tailleur contemporanei.

tailleur1

Stile senza tempo per i modelli proposti da Re Giorgio (Armani), che propone volumi over e sfumature del grigio, mentre Ermanno Scervino punta sull’eleganza del bianco totale. Colori pastello invece per i tailleur iper femminili di Francesco Scognamiglio e Prada, che porta in passerella dei tailleur sorbetto, mentre Antonio Marras sorprende spaziando dal castigato grigio fumo al tailleur con gonna azzurro polvere.

tailleur21

Infine anche la sera può avere il suo tailleur, che in questo caso diventa prezioso e catch-eye, realizzato con tessuti e texture ricercate e particolari: è il caso dei modelli proposti da Richmond, Etro e dal brand H&M impreziosito da un gioco di ruches nere sulla giacca.

tailleur4

#MAGLIONI

Guardando le sfilate autunno-inverno si sono visti abbinamenti che rendono il caro maglione un vero e proprio capo fashion e passepartout, capace di conquistare proprio tutti. Si va dai caldi pullover in colori sgargianti di Anya Hindmarch e Christophr Keane, lunghi quasi come fossero minivestiti (io li trovo perfetti con collant coprenti e stivali) a quelli irriverenti e divertenti di Moschino, con stampe a tema cartoon.

maglioni1

Splendidi i maglioni dal mood artistico firmati Delpozo, Gucci, Loewe ed Emilio Pucci che arricchiscono i loro capi di dettagli e decori, ma anche stampe, che sembrano rubati alla tela di un pittore e che ne fanno un capo capace di costruire da solo un intero oufit. Quest’anno poi ce n’è proprio per tutti i gusti: ci sono maglioni svasati e con colli importanti (come quelli firmati Antonio Marras) oppure cortissimi e morbidi come quelli di Alberto Zambelli e Dolce e Gabbana (che puntano sulle frasi ad effetto pro-mamme), ma anche Giambattista Valli (con inserti in paillettes a contrasto) e Sportmax (con ponpon in rilievo) hanno avuto dei lampi di genio.

copertina-maglioni

Non mancano poi i grandi classici in tricot, magari candidi e over, per outfit comodi e disinvolti, come quelli che hanno sfilato per Max Mara, Sportmax e Valentino (che punta anche sull’intramontabile optical), oppur quelli in morbido mohair firmati Francesco Scognamiglio che rafforza l’effetto cocoon puntando anche sui tenui colori pastello. Infine per le irriducibili dello stile minimal anche nella maglia, la risposta è una sola: Giorgio Armani.

maglioni2

Presto la seconda parte del FASHION REPORT dedicato a tessuti (pelle e jeans), stampe (fiori e tartan) e abiti.

Non mancate! 🙂


8 thoughts on “FASHION REPORT A/I 2015-2016 – #1: capispalla, tailleur e maglioni

Rispondi