Vi siete mai chiesti, guardando una campagna pubblicitaria di qualche brand o stilista famoso, che tipo di lavoro ci fosse dietro? Non vi è mai balenata nella mente la domanda: “Ma come gli è venuta questa idea?!”
A me sì, tante volte. Perché a ben guardare le campagne pubblicitarie, soprattutto quelle di moda, hanno un non so che di artistico, in senso stretto. Qualcosa che rimanda all’arte pura, a quella pittorica certo, ma anche a quella fotografica. Per questo ho sempre avuto un interesse particolare per quelle immagini così affascinanti che si vedono di continuo sulle riviste o in rete. Sono dei microcosmi in cui si sprigiona tutta la capacità di quello stilista di trasformare la sua idea in qualcosa di meravigliosamente fermo nel tempo, quasi eterno ed immutabile, mettendo in risalto allo stesso tempo corpi, abiti, accessori, sfondi ed emozioni. Tutto attraverso delle immagini.
Ovviamente la questione non è proprio così poetica, intendiamoci. Chi fa questo lavoro sa bene che spesso l’idea non è neanche dello stilista, o meglio lui da l’input, ma poi a lavorarci sono mille altre persone e che il fotografo scelto per la campagna non è tutto, ma quasi. Basta una luce o un ombra sbagliata e l’effetto finale non sarà lo stesso. Ma quando tutto viene incastrato alla perfezione, allora sì che ne viene fuori quel capolavoro che ci conquista e ci sorprende.

Insomma, come avete capito, le campagne pubblicitarie dei brand che amiamo, non sono tutta farina di un solo sacco…Leggenda narra che tutto parta dall’account che passa un briefing (ricevuto dal cliente – ovvero lo stilista) alla coppia creativa (art director e copywriter). Il “dinamico duo” si prende del tempo per metabolizzare il brief, fare ricerca, analizzare la concorrenza, elaborare una strategia di comunicazione e …pensare, pensare, pensare. Alla fine del percorso di pensiero vengono formulate delle proposte che verranno poi sottoposte al direttore creativo…E nel frattempo di tempo ne è passato non poco. E ne passerà ancora molto prima che si arrivi all’idea vincente che verrà messa in produzione, prima che venga scelto il fotografo (o i fotografi), la location, le luci, i protagonisti, su cosa puntare l’attenzione ecc.ecc.ecc. E anche una volta che la campagna sarà uscita, il lavoro non sarà affatto finito, anzi!
La campagna pubblicitaria in realtà è come un organismo vivente che nasce, si sviluppa e invecchia, bisogna tenerla d’occhio, vedere come evolve e come viene accettata dal mercato e, se necessario, modificarla. Tanto che si dice che il lavoro vero e proprio inizia quando la campagna è già uscita. Si tratta di meccanismi delicati che possono portare anche a cambiare totalmente idea aggiustando la strategia e il tiro.

Eppure tutto i lavoro e il travaglio che precede un’ adv sparisce nel momento in cui noi la vediamo, magicamente. Rimane solo lo splendido risultato che è sotto gli occhi di tutti. Qualche esempio?
Eccovi le 10 migliori campagne pubblicitarie PE 2015 che anticipano le tendenze e le proposte degli stilisti per la prossima primavera/estate.

Vediamole insieme!

1#MIU MIU: Iniziamo dalla campagna pubblicitaria di Miu Miu, con protagoniste Mia Goth, Imogen Poots e Marine Vacht, fotografate da una autentica leggenda: Steven Meisel. Negli scatti il focus è sugli abiti indossati dalle tre modelle: top corti, capri pants, scarpe con fiocco, giacca di pelle rossa, gonna denim, cappotto rosa, pencil skirt e le ultime iconic bag del brand. Il mood della campagna? Un certo “senso di casa” ottenuto con carta da parati antica, mobili scuri e letto disfatto.

miu miu1

miu miu 2

miu miu3

2#DOLCE & GABBANA: Protagoniste della campagna, tra gli altri, Bianca Balti, Vittoria Ceretti e Irina Sharipova. Il fotografo? Domenico Dolce ovviamente, sotto la direzione di Stefano Gabbana. Il mood? Sempre la loro amata Sicilia, questa volta con contaminazioni delle tradizioni e dei colori della Spagna. Non mancano testimonial d’eccezione come le signore un pò agèe che tengono in mano le it bag del brand.

dg1

dg3

dg2

dg4

3#LOUIS VUITTON: Questa volta Nicolas Ghesquière ha scelto non uno, ma ben tre magnifici fotografi: Bruce Weber, Annie Leibovitz e Juergen Teller. Protagonisti dell’adv invece sono, tra gli altri, Freja Beha Erichsen, Jennifer Connelly e Jean Campbell. Nella campagna, ribattezzata Series2, spiccano le nuove it bag del brand.

lv1

lv2

lv3

lv5

4#CHANEL: Ancora una splendida Gisele Bundchen immortalata scalza negli scorci più suggestivi di Parigi, con sfondo i luoghi iconici della città. Fotografo d’eccezione, il solito Karl Lagerfeld che ama sempre essere anche lui un protagonista assoluto.

chanel2

chanel4

chanel5

chanel6

5#CELINE: Grande scalpore per la scelta del brand di immortalare l’ottantenne Joan Didion, celebre scrittrice, fortemente voluta dal direttore creativo Phoebe Philo. E’ lei la vera protagonista della campagna pubblicitaria primavera/estate 2015 accanto alla ballerina Marie-Agnès Gillot e alla modella Freya Lawrence. Fotografo? Juergen Teller.

celine1

ceiline2

celine3

6#MOSCHINO: Jeremy Scott prosegue sull’onda del successo scatenato dalle sue Barbie in passerella e le sceglie anche per la sua campagna pubblicitaria, questa volta impersonate da Anna Ewers, Hollie May Saker e Sasha Luss, tutte in versione bionda, fasciate in mini skirt e crop top. Fotografo, ancora il mitico Steven Meisel.

moschino1

moschino2

moschino3

moschino4

7#DIOR: Sfondo bianco e focus sulla nuova it bag: la Diorama in tutte le sue versioni. L’adv scattata da Willy Vanderperre punta sul minimalismo e sull’atmosfera très chic tipica della Maison.

dior1

dior2

dior3

8#Alberta Ferretti: Sullo sfondo di una splendida spiaggia deserta di Deauville, in Francia, Peter Lindbergh immortala le modelle con indosso outfit romantici e hippie in puro stile ’70.

AF1

AF2

AF3

AF4

9#Gucci: Atmosfera Seventies anche qui, con i modelli Malgosia Bela e Mathias Lauridsen che indossano i capi cult tipici degli anni ’70: jeans, stampe astratte e floreali, gilet in pelliccia, stivali e sandali in pitone e suede. Fotografi dell’adv sono Mert Alas e Marcus Piggott.

gucci3

gucci2

gucci4

10#Giorgio Armani: Chiudiamo in bellezza con questa splendida campagna scattata da Sølve Sundsbø. Protagonisti Josephine Le Tutour e ancora Mathias Lauridsen, che si stagliano su tele pittoriche astratte. Lei sfoggia un prezioso soprabito e una pochette di serpente e poi appare avvolta in un ampio e luminoso tessuto see-through. Ma la sensazione generale è di un’eleganza che è il vero marchio inconfondibile dello stilista.

armani1

armani3

armani2

E voi, quale campagna pubblicitaria amate di più? Aspetto le vostre opinioni 🙂

To translate the post, click your flag:

Un semplice click qui —> FACEBOOK per rimanere sempre aggiornati su tutte le novità del blog 😉


12 thoughts on “Chi ha scattato cosa? Le 10 migliori fashion adv P/E 2015

    1. Ciao Tatiana! 🙂 Penso sia una cosa naturale chiedersi da dove vengano certe ispirazioni che ci colpiscono particolarmente…Un abbraccio e grazie di essere passata a trovarmi 🙂

Rispondi