to top

Atelier Eataly presenta Rhome Made: il nuovo modo di fare moda…sostenibile


Oggi ho il piacere di parlarvi di un nuovissimo progetto che promuove il Made in Italy, l’hand made e soprattutto, il design rinnovabile al 100%. In un Paese come il nostro, dove davvero il patrimonio artistico, inteso anche come capitale umano che lavora nel settore, ha sempre più valore e sempre meno spazio, c’è chi si pone come obiettivo quello di cambiare le cose.

Presso gli spazi dell’ex air terminal di Ostiense, a Roma, verrà infatti inaugurato questa domenica 15 Febbraio il nuovo Atelier di Eataly, primo spazio di vendita che ospita i talenti creativi della Capitale e i loro design 100% italiani ed interamente sostenibili.

Sarà  dunque possibile bere e mangiare Made in Italy, ma soprattutto conoscere  R(H)OME MADE, il nuovo network che dà voce e spazio ai progetti artistici di talentuosi creativi romani.

L’Aula Fandango sarà, dal 15 Febbraio e per tutto il 2015, l’officina Rhome Made, il luogo dove conoscere il concept alla base dei singoli oggetti di design e approfondire, attraverso workshop e incontri culturali, le tematiche connesse all’inesauribile questione della sostenibilità. Un contemporaneo salotto dove si parlerà di moda, di tendenze, ma soprattutto di stile. Il popolare Stile Italiano, sempre più consapevole del valore che unisce l’innovazione alla tradizione e la modernità alla consapevolezza dell’ambiente. L’opportunità di inventare il nuovo, senza dimenticare il classico.

Per tutto il 2015 dunque, gli undici designers di Rhome Made esporranno le loro creazioni in un laboratorio allestito al secondo piano del tempio del cibo di qualità italiano. Sarà possibile guardare, toccare, provare e anche acquistare direttamente gli oggetti esposti, il tutto immersi in un corner shop inteso come luogo multitasking dove avere un’esperienza completa dell’oggetto, dall’ideazione all’utilizzo finale. L’arte diventerà moda e la moda si vestirà d’arte. Gli oggetti, un tempo residui di una società che si muove troppo in fretta, avranno una seconda vita, mentre il tema della sostenibilità diventa così la coscienza ecologica che porta a responsabilizzare sia i metodi di produzione, lontani da logiche industriali in serie, sia il modo di fare acquisti.
Ci saranno così borse realizzate con cinture di sicurezza o dipinte a mano, gioielli in materiali plastici assemblati da relitti poco ecologici abbandonati sulle spiagge o realizzati con il riciclo delle diapositive, libri dalle pagine ingiallite che diventano “sac a la mode” per un look eccentrico e molto personale, arredi a cui viene restituita una nuova vita grazie all’astuzia del guardare oltre e molto altro ancora.

I designers protagonisti saranno Alecci e Di Paola, Alterequo, Annareticodesign, Belt Bag, Bookinbag, L’incredibile, Marina Santaniello, Officina Move, Page, Offiseria e Santarella.

Gli eventi in programma nell’Atelier di Eataly sono numerosi ed il calendario, fitto di appuntamenti, in continuo divenire e costante trasformazione, si adatterà e plasmerà anche su richiesta del grande pubblico.

E allora save the date: dal 15 febbraio, per tutto il 2015, con Rhome Made da Eataly, sarà possibile “fare cose belle e brave”, oltre che incredibilmente buone.

Ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato/a su tutte le novità del blog, sui prossimi eventi, le sfilate, le nuove tendenze moda e molto altro ancora? Unisciti alla community di BlondyWitch.com, lascia la tua mail nel form qui sotto. E’ gratis e senza spam 😉 Ti aspetto!


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: