to top

AltaRoma luglio 2016: diario di bordo di una fashion blogger

altaroma luglio 2016

AltaRoma luglio 2016: l’emozione di aver conosciuto Franca Sozzani e Suzy Menkes

 

Un’altra AltaRoma si è conclusa. In realtà è terminata lunedì, ma solo ora trovo il tempo di raccontarvi com’è andata quest’ennesima full immersion nella moda capitolina.

Vi potrei raccontare un sacco di cose: le sfilate, gli abiti, il mal di piedi o i pasti saltati. Ma non sarebbe la prima volta, no?

La verità è una: noi esseri umani viviamo di emozioni. Viviamo e respiriamo le situazioni in base a come ci sentiamo in quel momento e dunque, nonostante non fosse la prima volta che andavo ad AltaRoma, vorrei raccontarvi quello che mi ha emozionato di più: gli incontri speciali, l’atmosfera della passerella, la condivisione con i colleghi.

Se avete voglia di scoprire cos’ho combinato questa volta, continuate a leggere 😉

2016-07-12-14-03-22-430

AltaRoma luglio 2016: a tu per tu con i colossi di Vogue

Venerdì, primo giorno di AltaRoma, è accaduto qualcosa di incredibile: ebbene sì, ho conosciuto Franca Sozzani e Suzy Menkes.

Ecco com’è andata.

Le primissime sfilate che si tenevano all’Ex Dogana, location scelta per la seconda volta in questo 2016 per ospitare l’edizione di AltaRoma, erano proprio quelle di Who Is On Next, progetto di fashion scouting dedicato ai giovani talenti della moda, ideato e realizzato da Altaroma AltaModa in collaborazione con Vogue Italia.

Cartellino alla mano, sono entrata.

13600278_10208227523180134_9116644978863326917_n

Tra i finalisti in gara, nella categoria prêt-à-porter il primo premio è andato a Brognano e il secondo a Miahatami, mentre per gli accessori ha vinto il primo premio Pugnetti Parma.

Brognano – ph. S.Dragone- G.Palma / L.Sorrentino

brognano

Miahtami

miahtami

Pugnetti Parma – ph. Gianluca Palma/Lorenzo Piacevoli

ph. Gianluca Palma/Lorenzo Piacevoli

La premiazione -Ph. Salvatore Dragone-Gianluca Palma/Luca Sorrentino

Ph. Salvatore Dragone-Gianluca Palma/Luca Sorrentino

La cosa più bella è stata che, mentre ero seduta in attesa della sfilata, un posto più in là c’è era seduta una amica blogger che seguo da tempo e che ancora non avevo avuto il piacere di incontrare, ovvero Alvuela Franco di alvufashionstyle. Gioia e sopresa, una volta terminata la sfilata, entrambe ci siamo ritrovate sulla passerella accanto nientemeno che a Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, e Suzy Menkes, Vogue International editor.

Potete immaginare l’emozione provata in quel momento? Bè a me tremavano le gambe, ma ho avuto comunque il coraggio di presentarmi, scambiare due parole e anche scattare una foto ricordo. Cosa ho detto loro? Non mi ricordo nulla, giuro, ma una cosa la ricordo bene: Suzy mi ha chiesto un bigliettino da visita per andare a dare un’occhiata al mio blog (e chissà che ora, con l’aiuto di un traduttore, non mi stia leggendo 😉 )

Con Franca Sozzani

13614972_10208227205772199_6435411290840727756_n

Con Suzy Menkes

13620235_10208227206772224_780986401387276953_n

E poi ho rivisto con piacere Stella Jean, una delle mie stiliste preferite, che avevo già avuto la fortuna di conoscere in occasione del Premio Margutta.

Con Alvuela Franco e Stella Jean

13626421_10208227208452266_4858336021512155710_n

Alla mostra di accessori di Who Is On Next, poco più in là, ho anche avuto il piacere di incontrare un’altra collega, Sabina Petrazzuolo di UpTownGirl e Giulia, una sua amica designer, creatrice dell’omonimo brand Giulia Romana.

Ed è partita anche qui la foto di rito 🙂

13631426_10155078256065550_8989909053826063231_n

Il pomeriggio è trascorso via veloce: la sfilata di Rani Zakhem, una delle più attese, non ci ha deluso, as usual. Prima però, insieme ad alcuni amici, abbiamo provato l’ebbrezza del passeggiare sulla passerella ancora “incartata”.

Con il fashion buyer Valerio Moglie-Saremi e Stefania Vaghi di Sky Italia

13645266_10208228413882401_2965226057980886186_n

Un consiglio? Non fatelo! C’è da rompersi l’osso del collo! 🙂

Comunque Rani Zakhem ha confermato ancora una volta la sua immensa classe, il suo gusto per i materiali preziosi e i dettagli ricercati. La sua collezione, dal titolo Les Fastes Des Derniers Empires era un omaggio alla maestria dell’arte orafa e alla bellezza delle pietre preziose. Lo stilista ha reinventato la seduzione, arricchendola di opulenta maestosità e facendo rivivere le principesse scomparse o riportandoci nelle terre della Russia e dell’Impero Indiano, tra le corti dei Romanov ed il palazzo del Maharané di Baroda.

Credits press office

rani1

rani2

Con Sabina Petrazzuolo nel pre-sfilata

13620197_10208228421242585_8963814128456848440_n

Il pomeriggio è trascorso più o meno velocemente (diciamo più meno che più, nel senso che l’attesa tra una sfilata e l’altra è abbastanza snervante) e la sera è arrivato il momento del mitico Renato Balestra (QUI TROVATE IL VIDEO)

13607013_10208230566496215_2129263362906727266_n

13590358_10208230567496240_8557741167256584813_n

Con la scrittrice Iolanda Pomposelli e Alba De Biase prima del defilè

13620052_10208230567296235_6132586407788435555_n

La collezione di Balestra, intitolata “Blu amore mio” è stata dedicata proprio ai vari toni del blu, con particolare attenzione al Blu Balestra, simbolo della Maison, culminando nel profondo blu notte, arricchito da un pallido “ghiaccio”. Tessuti leggeri, plissè e lievi trasparenze hanno regalato ai presenti una collezione da sogno culminata con la sposa regale e sontuosa.

Renato Balestra – S. Dragone – G. Palma / L.Sorrentino

renato balestra

Un’altra grande emozione è stata incontrare Giovanna Errore di Sbirilla Blog. Un’amica da anni, almeno da quando ho aperto Blondywitch, ma che per motivi di distanza non avevo mai avuto la gioia di incontrare.

Stavolta invece ce l’abbiamo fatta e, con la nostra Sabina, non abbiamo potuto non immortalare il momento.

altaroma luglio 2016

Sono stati davvero tanti gli eventi e le sfilate di questa AltaRoma.

Tra questi uno dei più belli, a mio avviso, sia per location che per qualità complessiva è stato il fantastico Margutta Creative District (ve ne avevo parlato qui) organizzato da Grazia Marino e Antonio Falanga.

Una scenografica catwalk d’alta moda, nella quale si sono potute ammirare collezioni d’alta moda e creazioni di alta gioielleria, lungo tutta Via Margutta. Un incanto. Tra i nomi che hanno sfilato Gaia Caramazza e Marina Corazziari per la sezione Jewelry; Katharine Story, Accademia Sitam Lecce e Chiara Baschieri per la sezione Moda. Tutti assolutamente strepitosi!

La location

13620062_10208238464333656_5699664710145542814_n

13654364_10208238463573637_1615744967591100446_n

13612343_10208238463933646_2292522793841409226_n

Antonio Falanga & Grazia Marino/ Margutta Creative District – Ph. Carlo Tosti

antonio falanga - grazia marino

Creazioni Gaia Caramazza

gaia caramazza 1

Creazioni Marina Corazziari

marina corazziari 2

Creazioni Chiara Baschieri

chiara baschieri 1

Creazioni Sitam Lecce

sitam 1

Creazioni Katharine Story

katharine story 1

Altre cose belle di quest’AltaRoma? Tante.

Dalla moda stupefacente di Hussein Bazaza, giovane designer libanese che ha sfilato proponendo un’evoluzione in chiave haute couture della collezione prêt-à-porterA/I 2016-2017 presentata nella capitale emiratina dal titolo “Sophia The Alchemist”

Hussein Bazaza – (ph. S.Dragone – G.Palma / L.Sorrentino)  

hussein bazaza
alla collezione del greco Angelos Bratis dal titolo Doric: stile democratico, contemporaneo e preciso, una nuova visione del neo-classicismo greco-romano la cui inspirazione origina dal peplo e si trasforma con maestria in sensuali tuniche e t-shirt dalle linee fluide e pulite.
Angelos Bratis – Ph. S.Dragone – G.Palma / L.Sorrentino

angelos bratis

E poi ancora Sabrina Persechino con la splendida collezione Mono Tona che rappresenta una funzione monotòna crescente aggiungendo il nero a miscele cromatiche che partono dal bianco, e una funzione monotòna decrescente sottraendo il nero per arrivare al bianco attraverso le texture grigie.

Sabrina Persechino – Ph. Salvatore Dragone

sabrina persechino

Infine non posso non citare il bellissimo lavoro fatto dall’Accademia Moda e Costume con l’esposizione dei lavori dei suoi allievi.

Accademia Factory 2016

13600228_10208231975651443_6514444644409241239_n

13692684_10208276006552188_7719179914479520215_n

clacla

F. Lattanzi / L. Sorrentino

ac2

ac3

Potrei stare davvero qui fino a domani a raccontarvi questa AltaRoma 2016, ma spero che vi sia arrivata almeno un pochino della gioia che ho provato io in questi giorni, respirando quell’aria di passerelle, abiti e creatività che da sempre amo.

E che è il principale motivo per cui ho scelto di fare questo lavoro.

Impossibile infine non ringraziare di cuore tutti coloro che hanno contribuito a rendere speciale questa AltaRoma, dagli amici e colleghi che mi sono stati accanto agli splendidi stilisti e uffici stampa che mi hanno permesso ancora una volta di vivere questa magia.

A tutti loro, e a voi che mi avete seguita con tanto affetto, va il mio immenso GRAZIE <3

13692609_10208276009752268_202597003833311649_n


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: