to top

Altaroma 2018: Laboratori Aperti all’Accademia Koefia


I laboratori dell’Accademia Koefia aprono le porte in occasione di Altaroma e mostrano il lavoro dei propri studenti.

 

Trovo ci sia qualcosa di magico nei laboratori e nelle aule delle Scuole e delle Accademie di Moda.

Lo senti subito, appena entri: è quell’energia che solo la passione per ciò che si fa riesce a generare, è l’entusiasmo di giovani talenti che hanno il coraggio di perseguire i propri sogni, di studiare e di formarsi per diventare quello che sognano di essere: degli stilisti.

Perché fare moda, in Italia, non è solo business come spesso si pensa: è arte, ma nel senso stretto del termine.

Esistono tantissime realtà che spesso restano sconosciute ai più: atelier, piccole aziende, brand e designer che lavorano costantemente per creare il tessuto del Made in Italy e che spesso restano nell’ombra di passerelle più celebri o di marchi più altisonanti.

Nelle Scuole di moda, nelle Accademie, si respirano invece quelle che sono le speranze di tanti giovani che desiderano entrare in quel mondo a volte complesso, altre bizzarro, ma sempre bellissimo che è la moda.

E si può toccare con mano il loro lavoro quotidiano.

Per questo ho accolto con gioia l’invito dell’Accademia Internazionale d’Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia: perché nella splendida cornice di Altaroma non ci sono solo i brand più conosciuti, ma anche tanti ragazzi e ragazze che studiano ancora, ma che hanno ben chiare le loro idee sul futuro e vogliono diventare i couturier del domani.

Il titolo dell’edizione 2018 di Laboratori Aperti della Koefia, per questa Altaroma, è stato “La moda a misura d’uomo”: un’iniziativa ispirata a all’ideale modello di uomo di Le Corbusier, il cui sistema fa a sua volta riferimento alla tradizione vitruviana e all’uomo di Leonardo Da Vinci.

Il Modulor per Le Corbusier è una scala di proporzioni basate sulle misure umane, sulla doppia unità, sulle sequenze di Fibonacci e sulla Sezione Aurea.

Come un sistema magico matematico, a misura d’uomo appunto, applicabile universalmente dall’uomo all’architettura e alle cose meccaniche, l’universale a dimensione umana, così è per l’Alta Moda, che già per sua natura si esprime per mezzo di misure, numeri e dettagli creando proporzioni, sequenze e armonie per raggiungere una particolare sintesi di perfezione e di ritmo della composizione he solo la creazione possiede.

L’Accademia Koefia ha così aperto le sue porte al pubblico per far conoscere il luogo dove ogni giorno si realizza l’Alta Moda con i suoi laboratori, in una dimensione di Eccellenza, facendomi scoprire, stanza per stanza, tutto quello che ogni giorno viene realizzato in questa Accademia.

Ho potuto così ammirare il lavoro che si cela dietro l’Alta Moda, un’arte che accompagna lo studente e lo prepara a diventare uno stilista, attingendo alla migliore tradizione dei grandi maestri che della moda conoscevano, oltre che l’atto creativo e lo studio, le forbici e l’ago.

Le sale dell’Accademia Koefia, già dedicate ai grandi stilisti, hanno esposto creazioni realizzate dagli studenti nel corsi dei Lab di didattica delle varie discipline tessili/sartoriali: modellistica, confezione, campionature, tele finite e non finite, lavorazioni, maniche, colli, imbastiture, tasche, cuciture, bordature, riprese e sperimentazioni.

Fino all’arte del ricamo agli intrecci della tessitura, della maglieria e del macramè con le Fiber Art dell’opera di Lydia Predominato, un arazzo della Nouvelle Tapisserie.

E’ stato emozionante e auguro ai giovani dell’Accademia di continuare sempre così: sogni sempre fuori dai cassetti, tanto studio, lavoro e dedizione a cui aggiungere un pizzico di follia.

Perché si sa, la moda è anche questo.

 


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: