to top

Prada+Harrods….ed è subito Pradasphere!


Quando sapersi reinventare e trovare nuove forme di comunicazione diventa la chiave del successo: è il caso di Miuccia Prada, stilista e imprenditrice che da sempre ci affascina con le sue collezioni di altissimo livello, sempre nuove e ricche di spunti e ispirazioni provenienti dagli ambiti più disparati, soprattutto dal mondo dell’arte, del design e dell’architettura.
Emblema del tecno-minimalismo, Miuccia ha saputo cavalcare l’onda lunga del successo a partire dal lontano 1988, anno del suo debutto milanese con una collezione di prèt-à-portèr in black&white, approdando poi alla linea MiuMiu, nata nel ’93, più orientata ad un target giovane e fresco.

La collezione Prada d’ispirazione pop-art P/E 2014

Immagine

Ed ora la sua vena sperimentatrice ha trovato un nuovo progetto in cui esprimersi: Pradasphere. Già il nome evoca scenari particolari, non trovate? Ebbene, preparatevi a rivedere le vostre idee di shopping, perché Pradasphere non è una collezione, né un negozio superglam. Pradasphere è più che altro un’esperienza a 360°, fashion ma anche cultural-artistica e non solo. Si tratta di un’esposizione temporanea ospitata da Harrods, a Londra, contenente abiti e accessori del famoso brand italiano, una sorta di museo-non-museo in cui osservare da vicino i capi, scoprirne la storia…e acquistarli! E non sarebbe potuto essere diversamente, proprio per la natura della struttura Harrods, molto più consona allo shopping che non alle mostre. Infatti, Michael Rock, curatore dell’allestimento, ha spiegato che si tratta di una sfida. Il che si accorda perfettamente con il mood sperimentatore di Prada…e tutto torna.

Alcune immagini di Pradasphere @Harrods

prima foto

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Alcuni degli accessori in esposizione (e in vendita)

Immagine

Tutto qui? Non proprio. Al 4° piano dell’enorme centro commerciale (termine riduttivo per Harrods, ma passatemelo) sede dell’esposizione, Prada ha anche pensato bene di ricreare un angolo di Milano e, nello specifico, un pezzo di Pasticceria Marchesi (recentemente acquistata dal brand) dove mangiare e ritemprarsi dopo la visita (e il salasso della carta di credito) in giro per Pradasphere.
Ovviamente tanto di cappello alla creatività di Miuccia Prada che, da brava imprenditrice, ha trovato ancora una volta il modo di stupire il suo pubblico e i suoi fans con una trovata a dir poco geniale. L’unico problema che si pone ora è che la mostra è itinerante e sono previste varie tappe…Finchè si trova a Londra va tutto bene perché, come si dice, “Lontano dagli occhi, lontano dal cuore” ma se decidesse di approdare a Roma per dire, magari approfittando degli spazi di qualche tempio dello shopping…Chi ci salverà?!?

To traslate the post, click your flag: 


  • acasadisimi

    ……. che dire…..CHE MERAVIGLIA!!!!!! per fortuna che siamo lontane cara amica!!!

    maggio 16, 2014 at 5:43 pm Rispondi
    • BlondyWitch

      Eh si amica…ma temo il momento in cui l’esposizione dovesse arrivare a roma…o meglio, sarebbe splendido…però anche pericoloso per noi fashioniste!!! 😀

      maggio 16, 2014 at 8:41 pm Rispondi

Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: