to top

4 anni di blog: cosa ho imparato, dove sono diretta e perchè


4 anni di blog: quattro anni intensi, emozionanti, pieni di cose, fatti e persone. Ecco dove sono arrivata e dove sto andando.

 

Oggi è il mio compleanno, compio 4 anni.

No, tranquilli, non ho battuto la testa scendendo dal letto stamattina…e il mio compleanno è il 12 luglio.

Ma ci sono alcune date che rivestono un ruolo davvero importante nella nostra vita, alcune in senso positivo, altre in negativo: il compleanno del mio blog è sicuramente una di quelle che non dimenticherò mai.

Di come è nato blondywitch.com ne ho parlato in occasione dei precedenti compleanni, specie in occasione del secondoquando già erano iniziati alcuni sostanziali cambiamenti.

Uno su tutti: l’acquisto di un dominio tutto mio.

Sì perchè all’inizio questo blog è nato un po’ per gioco, un po’ per scommessa verso me stessa e verso chi mi diceva che no, non era il caso di diventare una blogger, che non mi avrebbe portato grandi risultati, che sarebbe rimasto un passatempo come un altro, che il lavoro – quello vero – era in un ufficio o dietro una cattedra.

Così BlondyWitch (il mio soprannome da sempre) è nato il 23 ottobre del 2013 in uno spazietto qualunque di WordPress.com, con un CMS gratuito. Per circa due anni sono stata coccolata dalla rassicurante bolla empatica della blogosfera, dove altri blogger come me avevano creato i loro piccoli universi.

Poi, quando mi ero sentita grande abbastanza per affrontare il mondo “là fuori”, avevo fatto il salto di qualità e avevo acquistato uno spazio tutto mio.

Questo che vedete oggi però non è il blog del 2013, nè tantomeno quello degli anni a venire: è nuovo, nella forma e in parte nella sostanza. E non solo perchè ho completamente cambiato la grafica negli ultimi 2 mesi acquistando un tema che mi piaceva da morire, ma anche perchè a differenza degli anni passati, so dove sto andando e dove voglio andare.

Oggi vi racconto cosa ho fatto nell’ultimo anno, cosa ho imparato, chi mi ha ispirato e dove sono diretta 🙂

4 anni di blog: cosa è cambiato e a chi dico grazie

 

Un dominio tutto mio, un tema che ho modellato sulle mie esigenze, un percorso professionale diverso rispetto a quello iniziale, ma che mi sta piacendo un sacco, persone e colleghi che mi hanno ispirato, arricchito, con cui ho scambiato pareri ed opinioni, dai quali ho imparato tanto: nei miei 4 anni di blog sono cambiate un sacco di cose.

Ho sempre amato la moda, questo lo sapete già: a 3 anni disegnavo abiti, a 5 ero sicura di voler fare la stilista (tanto che consideravo una perdita di tempo andare all’asilo visto che preferivo restare a casa a disegnare), durante la scuola sono sempre stata una delle poche con le idee chiare.

Quando è stato il momento di scegliere cosa studiare, non ho avuto dubbi: moda. Non ho ascoltato chi mi diceva che era meglio studiare Ingegneria all’Università, o Medicina o qualcosa che fosse più remunerativo “dopo”.

No, io volevo studiare moda e così ho fatto.

E quando dopo la Laurea ho dovuto decidere cosa fare della mia vita, non ho pensato neanche per un attimo di aver sbagliato a intraprendere un percorso di studi così particolare: nel momento in cui il lavoro non c’era, io me lo sono creato.

Il blog non è stato un lavoro fin da subito, chiaramente.

E’ stato un lungo percorso di crescita personale e professionale che è ancora in corso d’opera e che ogni giorno mi apre nuove possibilità.

E’ un po’ la mia creatura, che cresce ed evolve con me, che rispecchia i miei sogni e le mie ambizioni; è la mia finestra sul mondo, la mia vetrina e il mio rifugio.

Ma ecco cosa è cambiato negli ultimi 365 giorni.

Quello appena trascorso è stato un anno molto, molto impegnativo. Ho conosciuto realtà professionali nuove in cui mi sono dovuta mettere in gioco con tutta me stessa. Non tutte sono andate come avrei voluto, ma tutte mi hanno lasciato degli insegnamenti.

Ho imparato, ad esempio, che non tutti hanno lo stesso concetto di “impegno” e “professionalità” che posso avere io. Che non tutti rispettano le promesse, sebbene io dia molto valore alle parole e agli accordi presi, ma che invece tante altre persone sanno darti fiducia senza neanche conoscerti del tutto perchè, in qualche modo, si fidano di te e capiscono al volo che non tenterai di fregarli in alcun modo.

In questo anno ho conosciuto persone meravigliose: Giovanna Vitacca ad esempio, che pur non conoscendomi direttamente mi ha dato fiducia e modo di collaborare con il suo mondo; Rosalba Mosca, collega impareggiabile che mi ha tenuto per mano lungo tutto il percorso fatto insieme a Insolita Italia (a proposito grazie Andrea); Rosa Giuffrè, con cui ho avuto il piacere di collaborare al progetto The Italy Style e la meravigliosa Veronica Addazio che mi ha aiutato in corso d’opera; Manuel Timperi, un grande professionista da cui ho imparato molto, soprattutto a livello ispirazionale; Mirko Greco con cui tuttora collaboro e che, nonostante la giovane età, è uno dei professionisti più in gamba che conosco.

Durante l’ultimo anno ho conosciuto e avuto modo di collaborare con professionisti davvero bravi: mi vengono in mente le interviste fatte a Marina Pitzoi, Simone Puliafito e David Di Castro, le collaborazioni con Vincenzo Abate, Francesca Guatteri e Daniela Patroncini e il post a 4 mani con Rossana Cavallari. Ad alcuni di loro ho anche chiesto di lasciarmi un feedback sul lavoro svolto insieme e le loro parole mi hanno fatto emozionare e sentire orgogliosa del percorso fatto insieme.

E poi, neanche a dirlo, ci sono persone che ormai da anni mi rinnovano la loro fiducia ogni singolo giorno, una su tutte Valentina Piccini che, non solo è una delle professioniste più brave che io conosca, ma anche una persona speciale alla quale mi sono profondamente affezionata; così come Federica Bernardini e David Cirese, compagni di mille eventi fashion che mi hanno sempre coinvolta con entusiasmo.

E’ grazie a tutti loro, e a molti altri che non cito perchè sono tantissimi, che sono cresciuta nel mio lavoro e sono arrivata oggi ad essere non solo più una blogger, ma a sviluppare il desiderio di progredire professionalmente e a fare sempre meglio. E oggi vi svelo come.

4 anni di blog: cosa ho studiato, chi mi ha ispirato e dove sto andando

Le cose che mi hanno formato, professionalmente, negli ultimi 365 giorni direi che non sono poche.

Ho seguito corsi avanzati nell’ambito della SEO (e ringrazio Jacopo Matteuzzi per il suo meraviglioso corso di Academy Studio Samo), nel facebook advertising (il corso Facebook Advance di Dario Vignali è una bomba), ho anche acquistato e sto seguendo due corsi che mi daranno molte soddisfazioni, già lo so: uno su Woocommerce e l’altro su Html e Css (Pennamontata è ormai uno dei miei siti preferiti)

Corsi, webinar e poi, naturalmente, libri. Libri cartacei, di quelli che leggi la mattina mentre fai colazione e che ti danno la giusta grinta per affrontare la giornata: gli ultimi letti sono La Mucca Viola di Seth Godin, Fare Business con Digital Marketing di Andrea Testa, Promuovi Te Stesso di Riccardo Scandellari, Condivide Et Impera di Rudy Bandiera, ma anche l’immancabile libro cult di Marco Montemagno, Codice Montemagno.

L’ultimo acquistato? Facebook Marketing Plan di Veronica Gentili (che arriverà a giorni).

Cosa ho imparato da questi libri? Qualcosa di più importante delle nozioni tecniche: la capacità di avere in mano il mio lavoro, di saperlo gestire e direzionare laddove funziona meglio; la voglia di svegliarmi al mattino per mettere in pratica ciò che ho imparato; la voglia di sbagliare e migliorare.

Tutte cose che per crescere sono indispensabili.

E lasciatemi dire un’altra cosa: ci sono persone di una professionalità che va oltre il lavoro stesso. Ho chiesto consigli a Rodolfo Monacelli e Roberto Gerosa su alcune questioni lavorative alle quali mi hanno risposto dedicandomi tempo e attenzione, così come Luigi De Seneen che mi ha parlato e coinvolta nei suoi progetti.

Queste sono cose che vanno oltre il lavoro stesso e che hanno a che fare con l’aspetto più umano della propria professione: quello dei rapporti interpersonali con i colleghi. Qualcosa di stupendo che va contro quello che spesso si sente dire in giro nell’ambito del web, ovvero che è fatto di gente che vuole solo fregarti o venderti qualcosa.

Non è sempre così invece e questa ne è la dimostrazione.

Ma adesso è ora di rispondere alla domanda iniziale: dove sto andando?

Sono diretta verso un ulteriore salto di qualità: specializzarmi ancora di più nel web marketing, ma nell’ambito che amo di più, ovvero la moda.

Unire marketing e moda, dando consigli concreti a chi vuole intraprendere una professione in questo ambito, che sia la fashion editor o la designer, è ormai diventata la mia mission e la mia meta.

E’ stato un anno intenso, un anno in cui sono cambiate molte cose e dove, voltandomi indietro, ho lasciato tante impronte, ciascuna delle quali mi ha condotto un po’ più avanti.

Sto ancora camminando, a volte lentamente, altre più velocemente, ma il panorama mi piace tantissimo e penso proprio proseguirò su questo sentiero.

Ringrazio anche di cuore Jessica, Patrizia ed Emanuela perchè, oltre che clienti, sono diventate delle vere e proprie fonti di ispirazione che mi spingono ogni giorno a fare meglio.

E poi grazie a voi lettori: 4 anni di blog, sempre insieme, e spero molti, molti altri ancora <3

 

 


Rispondi

BlondyWitch by Claudia Giordano - Moda e Tips di Fashion Marketing | © Copyright 2017 |
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: